Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, picchia la ex e sua madre. Denunciato dalla polizia

Le lesioni riportate sono state giudicate guaribili dai medici del Pronto Soccorso in 5 e 7 giorni

Più informazioni su

Imperia. Una lite familiare quella raccontata alla Polizia di Stato dalla vittima, una donna di 35 anni.

Quando l’ex compagno è tornato nella casa dove convivevano con un pretesto, hanno iniziato a litigare e, da lì, è scattata l’aggressione verbale e fisica, in cui veniva coinvolta anche la madre della donna, presente in casa e intervenuta per difendere la figlia.

Le lesioni riportate sono state giudicate guaribili dai medici del Pronto Soccorso in 5 e 7 giorni.

Immediata è stata la richiesta di aiuto al 112 NUE da parte della vittima che, approfittando di un momento di apparente calma, è riuscita a prendere il telefono e a comporre il numero di pronto intervento.

La pattuglia della Polizia di Stato si è precipitata sul posto ma l’uomo, accortosi che l’ex compagna aveva chiesto l’intervento della Polizia, era già fuggito via; successivamente veniva identificato e denunciato per il reato di lesioni.

Il tempestivo intervento degli agenti ha probabilmente scongiurato il degenerare di una situazione non affatto semplice, fatta di liti familiari e asti tra ex conviventi.

Determinante è stata la telefonata al 112 NUE da parte della vittima che ha consentito l’immediato intervento. In tutti i casi di lite in famiglia gli operatori di polizia attivano un protocollo, che prevede anche la compilazione della check-list E.V.A., ove vengono raccolti tutta una serie di dati, ulteriori rispetto a quelli contenuti in una semplice denuncia, che confluiscono in una banca dati della Polizia che, interrogata all’occasione, è da supporto per gli operatori e le vittime. I poliziotti infatti, grazie a questo protocollo che permette di geo localizzare il reato e creare una cronostoria delle violenze perpetrate e subite da una persona, quando arrivano sul luogo del fatto hanno già un quadro dello scenario che gli si presenterà, permettendo loro di agire in maniera più efficace e sicura.

“Chiamateci Sempre” è il mantra che il Questore ripete fin dal suo primo insediamento nel nostro territorio e, in questo caso, è stato recepito e condiviso con un risultato positivo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.