Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Danni da ungulati alle coltivazioni, Roggerone (Cia Imperia): «Dalla Regione misure inefficaci, servono soluzioni innovative»

"Da anni sosteniamo che il problema della crescita incontrollata degli ungulati è dipeso dalla gestione dell’attività venatoria"

Imperia.  «La Regione Liguria deve farsi carico dei danni causati dalla fauna selvatica, essendo questa materia di sua competenza, e affrontare il problema in maniera diversa, dato che le soluzioni messe in atto fin qui sono state tutt’altro che risolutive». Aldo Alberto, presidente di Cia Liguria, interviene così a proposito della vera e propria emergenza rappresentata dai continui danni alle colture causati dagli ungulati.

«L’assessore Mai deve prendere atto che le soluzioni introdotte con le recenti modifiche alla legge regionale non sono idonee a ridurre i danni arrecati dai cinghiali, e ha il dovere di ricercare nuove soluzioni –  rincara Stefano Roggerone, presidente di Cia Imperia, in rappresentanza di un territorio particolarmente interessato dal fenomeno – Da anni sosteniamo che il problema della crescita incontrollata degli ungulati è dipeso dalla gestione dell’attività venatoria; tutti sanno che, per anni, gli animali sono stati regolarmente foraggiati e nulla è stato fatto, da parte degli organi preposti, per contrastare quella che è ormai diventata una consuetudine».

«Addirittura, non sembra nemmeno più essere all’ordine del giorno una discussione sulle battute di caccia selettive: da questo punto di vista è vero che il sistema è stato messo in difficoltà dal pronunciamento della Corte costituzionale, ma è altrettanto vero che l’assessore non può limitarsi a dire che è già stato fatto tutto il possibile. È necessario aprire al più presto un tavolo di crisi al quale ragionare su soluzioni innovative», conclude Roggerone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.