Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Imperia va in scena “Rifiutopoli. Veleni e antidoti”, la conferenza-spettacolo sul ciclo illegale dei rifiuti foto

E' prodotta da Cinemovel Foundation con il patrocinio di Legambiente e il sostegno di Fondazione Unipolis e di Ecodom, il principale Consorzio italiano di gestione dei RAEE

Imperia. Va in scena giovedì 19 luglio a Villa Grock, alle 21.15, la conferenza-spettacolo “Rifiutopoli. Veleni e antidoti” sul ciclo illegale dei rifiuti, prodotta da Cinemovel Foundation con il patrocinio di Legambiente e il sostegno di Fondazione Unipolis e di Ecodom, il principale Consorzio italiano di gestione dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). L’ingresso è gratuito.

Enrico Fontana, membro della segreteria nazionale di Legambiente e direttore de La Nuova Ecologia, attraverso una performance multimediale racconterà i traffici della ecomafia e il cambiamento concreto e visibile che i piccoli gesti quotidiani di tutti possono generare. Lo spettacolo si svilupperà con un’alternanza di linguaggi espressivi: la narrazione di Fontana lascerà spazio a un mix di parole, suoni e immagini trasformate dall’artista Vito Baroncini, con la sua lavagna luminosa, essa stesso riciclo creativo di un oggetto in disuso.

Le tappe di Rifiutopoli in Italia. Dopo il debutto nel 2017 al Festival di Internazionale a Ferrara, nel corso del 2018 Rifiutopoli sarà rappresentato in diverse città italiane. Il 25 e 26 maggio è andato in scena rispettivamente a Bologna e Parma nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile di ASVIS e tra il 19 luglio e il 4 agosto sono previste 4 tappe all’interno del festival itinerante di Libero Cinema in Libera Terra – Imperia (19 luglio), Assisi (22 luglio), Polistena (RC, 27 luglio) e Catania (4 agosto). A settembre ci saranno altri quattro importanti appuntamenti a Torino, Milano, Terni e di nuovo a Ferrara.

“Ho cominciato a raccontare il mondo di Rifiutopoli nel 1984” racconta Enrico Fontana “scoprendo che i rifiuti venivano abbandonati anche nei luoghi più belli, dove ti aspetti di vedere solo le farfalle. E invece ci trovavo di tutto: frigoriferi, lavatrici, macerie, pneumatici, che bruciano e avvelenano l’aria”.

“Abbiamo deciso di sostenere questo progetto perché i Produttori aderenti a Ecodom, che è il più importante Consorzio operante in Italia nella gestione dei RAEE, sentono di avere anche la responsabilità di aiutare ad accrescere la consapevolezza dei cittadini sul tema dei rifiuti, del loro impatto sull’ambiente e dell’importanza di comportamenti sostenibili – afferma Giorgio Arienti, direttore generale di Ecodom – Per evitare che i rifiuti che produciamo tornino a noi sotto forma di veleni assorbiti tramite la terra, l’aria e l’acqua è indispensabile promuovere un’economia circolare virtuosa, che attraverso un corretto trattamento dei rifiuti ci restituisca materie prime da riutilizzare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.