Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vallecrosia, scattano le prime interrogazioni dell’opposizione dopo il primo consiglio comunale

"Invitiamo pertanto il Sindaco, la giunta e la maggioranza ad operare e pensare che dal 10 giugno sono diventati amministratori pubblici con carica di pubblico ufficiale e non amministratori di associazione privata"

Vallecrosia. L’opposizione formata da Croese Silvano, Quesada Cristian, Perri Fabio e Giordano Ferdinando dopo il primo consiglio comunale del nuovo sindaco Armando Biasi scrive:

“Insolito il Primo consiglio comunale: Non vengono esposte dal Sindaco ed assessori le linee programmatiche della nuova maggioranza, la minoranza chiede inversione dei punti all’ordine del giorno e presenta un’interrogazione urgente. 

La minoranza composta dai gruppi consiliari: Vallecrosia Sia con i consiglieri Croese Silvano e Quesada Cristian, Voi con Noi con il consigliere Fabio Perri e Progetto Vallecrosia con il consigliere Ferdinando Giordano ha presentato un interrogazione urgente in merito ad una festa, organizzata il 16 giugno 2018 a soli 5 giorni dalle elezioni, dalla nuova amministrazione senza la richiesta ed ottenimento delle autorizzazioni necessarie Atto grave dell’Amministrazione in particolare dell’assessore alle manifestazioni

Dopo aver assistito al giuramento del sindaco ed ascoltando il suo discorso introduttivo siamo rimasti particolarmente colpiti, dichiarano unanime i consiglieri di opposizione, ciò che si evince dalle sue parole è la volontà di non creare attriti appianando le divergenze , riappacificando con tutti , offrendo apertura e coinvolgimento simbolo di un cambiamento nel metodo e nel modo di amministrare rispetto al passato. Questo viene confermato inoltre, continuano i consiglieri di opposizione, dalle dichiarazioni del sindaco il quale afferma : “non sarò un sindaco delle vendette”.
Ma cosa significa ciò? Ma esiste il Sindaco che si vendica??? Assurdo …dichiarare ciò …ed incomprensibile…
Questa è testimonianza che sino all’esito elettorale questo clima di pace e serenità da parte Vostra non era la vostra identità.

E’ stata una campagna elettorale gestita in maniera completamente diversa tra i nostri ed il vostro gruppo, noi abbiamo sempre tenuto un comportamento di rispetto e lealtà senza mai usare arroganza e attacchi frontali parlando di programmi , mentre completamente diversa è stata quella del Gruppo di Cittadini in Comune dove continui attacchi frontali, rancori del passato, e falsità hanno stancato i cittadini, addirittura arrivando ad una denigrazione delle nostre compagini con pupazzetti in mano e finte scenette di richiesta di incontri pubblici con i candidati.

Adesso però ci viene chiesto di essere tutti amici, tutti fratelli e di lavorare tutti in gruppo, e di dare fiducia a lui ed alla sua maggioranza. Perché non si è comportato così anche in campagna elettorale? Sicuramente il nostro intento come sempre detto è il bene comune e pertanto ci batteremo affinché questo succeda valutando pratica per pratica svolgendo il nostro ruolo di controllo sugli atti amministrativi, portando sui tavoli delle commissioni e del consiglio comunale le migliori proposte per lo sviluppo della città dando la priorità ai cittadini.

Prendiamo atto inoltre i 7 mesi di formazione che la lista Cittadini in Comune ha fatto per essere formati e preparati ad amministrare la nostra città forse non stati sufficienti visto l’approccio e la gestione del primo consiglio comunale .

Come pubblici ufficiali in sede di assise ufficiale per noi nono solo sono fondamentali le idee, i concetti e i contenuti ma altresì fondamentale è la forma con la quale vengono e devono essere espressi.

Abbiamo subito voluto marcare sin dal primo consiglio comunale che per noi la correttezza ed il rispetto delle regole è prioritario sottolineando due episodi dove ciò non è accaduto :

Primo errore nominare come membro di una commissione il Presidente del Consiglio Comunale.
Illegittimo questo perché il Presidente del Consiglio presiede le commissioni ed essendo una figura imparziale non può essere membro.
Quindi abbiamo subito segnalato l’illegittimità chiedendo di sostituire i componenti

Secondo errore , molto più grave, la neo amministrazione organizza sabato 16 giugno 2018 una festa nel Centro Storico con la somministrazione di alimenti e bevande ed occupazione del suolo pubblico , ma non vengono chieste da parte dell’assessore competente alle manifestazioni ed al centro storico le autorizzazioni necessarie previste per legge.
Un gruppo di cittadini abitanti nel Centro Storico ci hanno infatti contattato per segnalarci questa situazione, non essendone a conoscenza di questa festa ci siamo recati presso gli uffici competenti per chiedere copia delle autorizzazioni ma ci siamo sentiti rispondere a voce e per iscritto che nulla è stato mai richiesto e che nessuno sapeva nulla .

Invitiamo pertanto il Sindaco, la giunta e la maggioranza ad operare e pensare che dal 10 giugno sono amministratori pubblici con carica di pubblico ufficiale e non amministratori di un’associazione privata in cui il rispetto delle regole è alla base dell’operato, senza mai dimenticare che siete gli amministratori ed il Sindaco di tutti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.