Treno Ventimiglia-Cuneo, i deputati di Forza Italia: “Il ministro dica chiaramente cosa intende fare”

"Dopo un primo rinvio dal primo maggio al 13 luglio, slitta ancora la riapertura della linea chiusa dal 4 settembre 2017, ora si parla del 22 luglio, riteniamo inaccettabili ulteriori rinvii", dichiarano gli onorevoli liguri

Val Roya. “Una tra le linee ferroviarie turisticamente più attrattive d’Europa stenta a ripartire, creando un danno economico a decine di commercianti e operatori turistici”. Gli onorevoli di Forza Italia Roberto Cassinelli, Giorgio Mulè e Roberto Bagnasco, per questo motivo hanno, presentato un’interrogazione urgente al ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli.

Dopo un primo rinvio dal primo maggio al 13 luglio 2018, slitta ancora la riapertura della linea chiusa dal 4 settembre 2017 per lavori di messa in sicurezza sui binari francesi in valle Roya. Ora si parla del 22 luglio, riteniamo inaccettabili ulteriori rinvii limitando così il flusso turistico in piena stagione estiva”, proseguono i parlamentari liguri.

Il ministro Toninelli dovrà rispondere a domande chiare. “Deve spiegare ai liguri come intenda intervenire per rendere sostenibile a lungo termine la tratta Cuneo-Ventimiglia-Nizza e rendere sicuro il passaggio stradale del colle di Tenda. E soprattutto deve spiegare come intenda intervenire per chiedere garanzie sui finanziamenti promessi dagli Enti francesi per il potenziamento della tratta internazionale e ripristino della velocità a 80 km/h in valle Roya”, concludono gli onorevoli “azzurri”.