Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, “Cuori giovani in festa”: Al via la festa patronale della Parrocchia di San Siro foto

I festeggiamenti termineranno venerdì 7 luglio alle 21 con la solenne Concelebrazione Eucaristica in piazza San Siro presieduta da S.E. Mons. Antonio Suetta

Sanremo.   Dal 29 giugno al 7 luglio si rinnova l’appuntamento con la Festa Patronale della Parrocchia di San Siro. Ormai da alcuni anni la Concattedrale della città di Sanremo, in collaborazione con il Comune (l’iniziativa ha il patrocinio del Comune), organizza i festeggiamenti con alcune attenzioni specifiche: apertura alla cittadinanza e alle sue varie realtà, attenzione alla cultura e ai valori universali, dimensione pubblica dei vari momenti, target dai giovani ai senior.

Nuova immagine

Il tema che farà da sfondo alla Festa 2018  è “Cuori giovani in festa”, una frase di Papa Francesco rivolta ai giovani ma che apre un orizzonte di impegno cristiano a tutti: «Voi avete una parte importante nella festa della fede! Voi ci portate la gioia della fede e ci dite che dobbiamo vivere la fede con un cuore giovane, sempre: un cuore giovane, anche a settanta, ottant’anni! Cuore giovane! Con Cristo il cuore non invecchia mai!».

Ricco e vario il programma delle iniziative. Si inizia con la SAGRA, nella splendida cornice di piazza San Siro, venerdì 29 giugno e sabato 30 giugno: primi piatti, rostelle, salsiccia, frittura di totani e molto altro. L’animazione e la serata danzante sono a cura dell’orchestra Fantasia mentre il servizio ai tavoli è garantito da oltre 60 volontari di tutte le età della Parrocchia. L’apertura delle casse sarà alle 19.30.

Lunedì 2 luglio si svolge la “Strasansiro”, una maratona non competitiva di circa 2 km che si snoda per le vie del centro. Come lo scorso anno si vuole davvero abbracciare la città aprendo la partecipazione all’esterno: altre comunità parrocchiali di Sanremo, le comunità islamiche presenti sul territorio, i migranti di casa Papa Francesco. Una preziosa opportunità di aggregazione, conoscenza e fraternità tra le diverse realtà sociali e religiose della nostra città, seme tangibile di pace e segno di speranza. La partenza è fissata alle 20.30 da piazza San Siro, il ritiro dei pettorali dalle 19 sempre in piazza San Siro. Ci si può iscrivere sino alle 20.

Martedì 3 luglio ci sarà un momento rivolto esclusivamente agli adulti e alla terza età: dalle 16 nel teatro parrocchiale si svolgerà una gara di ballo liscio, ovviamente a coppie. Le iscrizioni si effettuano ritirando le apposite manleve presenti in fondo alla Basilica di San Siro.
Mercoledì 4 luglio e giovedì 5 luglio due momenti sportivi – calcio a 5 e pallavolo – rivolti solo ai giovani delle Parrocchie di Sanremo.
Venerdì 6 luglio, alle 21, sempre in piazza San Siro, la serata pubblica formativa che ormai da alcuni anni è un evento per tutta la cittadinanza. Realizzata in collaborazione con la Diocesi e il quotidiano nazionale “Avvenire” con il titolo “Giovani, lavoro e festa” .

I festeggiamenti termineranno venerdì 7 luglio alle 21 con la solenne Concelebrazione Eucaristica in piazza San Siro presieduta da S.E. Mons. Antonio Suetta, vescovo diocesano e concelebrata dai sacerdoti della città.

Il 7 luglio è la solennità liturgica del patrono Siro. Dopo la Celebrazione in piazza, si svolgeranno le premiazioni dei vari tornei che hanno anticipato le giornate di festa.
La consegna della tradizionale “mescìe” e l’accensione del cosiddetto “fughetto de san sci”, insieme al suono a festa delle campane di San Siro, segneranno la conclusione dei festeggiamenti patronali 2018.

Da segnalare un’importante novità di questa edizione della festa di San Siro: negli otto giorni dei festeggiamenti, durante la S. Messa delle 18.15, ogni sera verrà presentato un giovane testimone della Fede, un “santo della porta accanto”, ovvero un giovane di cui spesso la Chiesa ha riconosciuto le virtù eroiche, per la forte testimonianza che ha saputo offrire, restando fedele fino all’ultimo ai valori della fede.

Da Chiara Corbella Petrillo, giovane mamma che ha donato la sua vita per salvare il figlio che portava in grembo, fino a Sandra Sabattini, morta giovanissima in un incidente stradale e capace di donare tutta la sua giovane vita ai poveri e agli ultimi.
Un pannello di ciascuno degli otto “santi della porta accanto” sarà presente sulle colonne della Basilica di San Siro, dove è possibile trovare le indicazioni per la documentazione relativa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.