Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pigna, prende il via “butterfly watching” nelle Alpi Liguri

Un breve itinerario da colla Melosa fino alla base di cima Marta per cercare di riconoscere il maggior numero di specie possibile

Più informazioni su

Pigna. Il butterfly watching è una disciplina in forte crescita che consente a sempre più appassionati di apprezzare la bellezza e la grande varietà delle farfalle diurne: probabilmente l’ordine di insetti maggiormente evocativo e carismatico. L’importanza ecologica come impollinatori e di bioindicatori per la qualità ambientale fanno delle farfalle una parte fondamentale del patrimonio del nostro territorio.

Con il butterfly watching è possibile avvicinarsi a questo affascinante mondo in maniera rispettosa e responsabile aggiungendo valore a ogni possibile escursione in aree naturali. Un metodo incruento basato sull’osservazione diretta in natura delle specie presenti mediante macchina fotografica, binocolo e l’utilizzo del retino entomologico per la cattura, l’identificazione e il successivo rilascio dell’individuo.

Le Alpi Liguri rappresentano un compartimento montano a elevato indice di biodiversità e di endemicità. Inoltre la loro posizione geografica le rende un perfetto corridoio ecologico tra Appennini e Alpi, nonché un ponte di collegamento tra i rilievi provenzali e mediterranei, formando cosi una via di transito per le componenti floristiche e faunistiche atlantiche. Un vero e proprio hotspot di biodiversità che ospita una comunità di farfalle di notevole interesse dal punto di vista zoogeografico. Tra le specie prioritarie presenti sulle Alpi Liguri (Direttiva Habitat 92/43/CEE, Allegato II e IV) troviamo: Aurinia (Euphydryas aurinia); Maculinea del timo (Maculinea (Phengaris) arion); Alexanor (Papilio alexanor); Apollo (Parnassius apollo); Mnemosine (Parnassius mnemosyne); Polissena (Zerynthia polyxena).

SCHEDA TECNICA
Durante la giornata affronteremo un breve itinerario da colla Melosa fino alla base di cima Marta (ex Caserme) cercando di riconoscere il maggior numero di specie possibile. La partecipazione all’attività è gratuita. Tuttavia per chi lo desidera è possibile lasciare un’offerta libera per le spese organizzative.

DETTAGLI LOGISTICI

Ore 10:00 – Colla Melosa (Pigna -IM)
Ore 15:00 – fine attività

INFO e PRENOTAZIONI
Matteo Serafini
Guida Ambientale Escursionistica, Naturalista
Cellulare e WhatsApp – 333 6853041

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.