Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, Claudio Scajola partecipa all’incontro delle associazioni ‘La Giraffa a Rotelle’ e ‘Progetto Famiglia Onlus’

"L'attenzione ai portatori di handicap non deve essere percepita solo come un problema del Comune, ma della comunità intera"

Imperia. Lunedì sera, all’incontro alla Biblioteca, patrocinato delle associazioni ‘La Giraffa a Rotelle’ e ‘Progetto Famiglia Onlus’, sulle politiche sociali, la disabilità e i minori Claudio Scajola ha ribadito la sua concretezza anche rispetto a questi temi.

“Premetto un certo imbarazzo nel rischiare di strumentalizzare, nel pieno della campagna elettorale, temi che toccano nel profondo le vite delle famiglie. Stiamo parlando di persone delicate come vasi di cristallo e di familiari che vivono un disagio che è lo stesso di chi vive la malattia o l’handicap. Se c’è qualcuno che non deve essere illuso mai, ecco, sono queste persone” – ha detto Scajola all’inizio del suo intervento.

E ancora: “L’attenzione ai portatori di handicap non deve essere percepita solo come un problema del Comune, ma della comunità intera. Se una popolazione è civile, è educata aiutare i disabili nella loro vita quotidiana, anche attraverso piccoli gesti. Le città più civili, penso alla capitali del Nord Europa, sono praticamente prive di barriere architettoniche. Perchè di barriere, là, ne hanno poche anche in testa..”.

Entrando più nel concreto Scajola ha detto che l’impegno deve essere sentito dal pubblico e anche dal privato. “E’ necessario un progetto da finanziare con aiuti regionali, statati ed europei che sia complessivo nella parte di assistenza, in quella sanitaria, in quella dell’accompagnamento. Credo inoltre che vada tenuto conto che queste persone hanno diritto anche a inserirsi nella vita quotidiana”. E quindi: “Intendo inserire nelle commissioni di vigilanza e di autorizzazione per le manifestazioni (culturali, sportive e di intrattenimento…) un rappresentante delle associazioni dei disabili, in modo tale da verificare, durante la fase organizzativa, la possibilità, per tutti, di prendere parte agli eventi pubblici cittadini. Bisogna includere tutti, soprattutto le persone che hanno maggiore bisogno di svago”.

Un’altra idea di Scajola: “Incentivare locali ed esercizi commerciali privati ad abbattere la barriere architettoniche attraverso incentivi da parte del Comune, come, banalmente, una sorta di bollino blu per premiare e pubblicizzare i più virtuosi”. E conclude: “La Comunità si basa sulla collaborazione: tra pubblico, privato e volontariato. Soprattutto quando si ha a che fare con il sostegno a chi soffre più degli altri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.