Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I candidati Sindaco di Imperia condividono le proposte della Confartigianato fotogallery

Anche a loro è stato esposto il documento contenente le 10 proposte dell’associazione di artigiani “Per tornare a crescere”

Più informazioni su

Imperia.  Dopo la doppia riunione di ieri che ha riguardato i Comuni di Bordighera e Vallecrosia, si è svolto ieri l’incontro tra la Confartigianato ed i candidati alla carica alla carica di sindaco di Imperia.

Anche a loro è stato esposto il documento contenente le 10 proposte dell’associazione di artigiani “Per tornare a crescere”. Per il Comune di Imperia, oltre ai temi programmatici generali che hanno riguardato anche gli altri Comuni al voto, sono infatti stati individuati alcuni punti specifici.
“Uno di questi riguarda il nodo dei collegamenti, con particolare riferimento alla Statale 28 e alla Albenga/Garessio/Ceva – ha spiegato il presidente della Confartigianato di Imperia Enrico MeiniSi tratta di una problematica che dovrà essere risolta attraverso un costante e produttivo dialogo con le altre Istituzioni”.
Un’altra proposta ha invece avuto per oggetto il lavoro dei frantoi, una realtà produttiva molto viva nel territorio imperiese. “Abbiamo infatti chiesto la risoluzione di un problema lamentato da molti produttori – ha detto Federico Fresia, Presidente regionale di AIFO (Associazione Italiana Frantoiani Oleari) e Presidente di zona della Confartigianato – Si tratta in particolare degli scarichi dei frantoi. Una questione che dovrà essere affrontata analizzando esperienze positive già atto in alcuni Comuni della provincia”.
Il programma, illustrato durante la riunione alla quale ha partecipato anche Vincenzo Lesci del direttivo Confartigianato di Imperia, è stato condiviso e sottoscritto dai candidati: Guido Abbo, Carlo Carpi, Alessandro Casano, Luca Lanteri, Maria Nella Ponte, Lucio Sardi e Maria Sepe.

Il candidato Claudio Scajola, impossibilitato a partecipare all’incontro collettivo, ha incontrato i dirigenti Confartigianato in altro orario esponendo alcune proprie idee. Condividendo tutti gli altri punti, ha voluto esporre alcune considerazioni specifiche sui collegamenti extraurbani, in particolare progetti come la Albenga-Carcare-Predosa e la Ferrovia, e su quelli urbani l’istituzione di una navetta elettrica su gomma che transiti nei tratti della pista ciclabile compatibili anche per tale utilizzo. Sempre Scajola, come ulteriore considerazione al documento, ha ipotizzato agevolazioni per l’apertura di attività artigianali di qualità in alcune zone della città come per esempio il Parasio.
Altri candidati, pur avendo firmato il documento, hanno aggiunto alcune proposte aggiuntive. Maria Nella Ponte ha lanciato l’idea di organizzare consorzi o altee forme giuridiche di partenariato tra aziende, affinché le PMI facciano rete e collaborino per partecipare ad appalti pubblici. Maria Sepe, in riferimento alla questione traffico, ha sottolineato l’importanza di realizzare parcheggi con sistemi idonei ad evitare problematiche come per esempio gli allagamenti.
“Come con tutte le Istituzioni – ha concluso il presidente della Confartigianato di Imperia Enrico Meinisiamo disponibili a mantenere un’interlocuzione con quella che sarà la futura Amministrazione Comunale di Imperia per un confronto costruttivo sull’attività amministrativa legata all’economia locale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.