Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

E’ allarme cinghiali sulle colline di Taggia: la Regione restringe i confini dell’Oasi di protezione “Fascia Costiera”

Rappresentano un danno per le coltivazioni ortofrutticole, vinicole ed olivicole, nonché causa di incidenti che si verificano nei pressi delle abitazioni

Taggia. E’ emergenza cinghiali in provincia di Imperia, in particolare nel territorio comunale di Taggia. Per questo motivo, la giunta regionale, ha deciso di ridefinire i confini dell’Oasi di protezione “Fascia Costiera” (dove è proibita l’attività venatoria).

cinghiali

Verrà ristretta, andando a perdere una piccola porzione a nord del tracciato autostradale, dove si potrà cacciare le specie dannose: in sostanza i cinghiali. Gli ungulati, come specificato in varie note mandate in Regione da parte delle Amministrazioni dei Comuni in questione, rappresentano un danno per le coltivazioni ortofrutticole, vinicole ed olivicole, nonché causa di incidenti che si verificano nei pressi delle abitazioni.

1

NELLA FOTO: IN VERDE I NUOVI CONFINI, IN ROSSO LA PORZIONE DI OASI SOPPRESSA

«Da tempo nell’Oasi di protezione “Fascia Costiera” si assiste ad una preoccupante proliferazione di cinghiali, che inevitabilmente creano ingenti danni alle coltivazioni. Era quindi necessario intervenire, dando attuazione a quanto previsto dalla legge regionale, approvata nel giugno 2017, che snellisce le procedure relative all’attività venatoria per venire incontro alle istanze che arrivano dal territorio, in questo caso dai contadini della zona dell’Oasi». E’ il parere del presidente del Consiglio regionale Alessandro Piana, che questa mattina ha partecipato nel Comune di Taggia alla conferenza stampa organizzata per annunciare le nuove misure assunte dalla Regione rispetto all’Oasi di protezione “Fascia Costiera” .

Alessandro Piana (Lega Nord Liguria-Salvini) è stato il primo firmatario della legge 17 del 2017, approvata all’unanimità dal Consiglio regionale che, nelle more dell’adozione del Piano regionale faunistico venatorio, autorizza la giunta regionale, sentita la competente commissione consiliare, a modificare i piani faunistico venatori adottati dalle Province e dalle Città metropolitane. Questa misura consente di intervenire più tempestivamente e in modo puntuale nelle eventuali modifiche dei Piani.

«La legge 17 ha trovato un’applicazione concreta proprio nel caso dell’Oasi di protezione “Fascia Costiera”, fra Taggia e Sanremo – aggiunge Piana – La giunta regionale, infatti, per arginare la presenza sempre crescente di fauna selvatica, in particolare cinghiali, ha deciso di ridurre i confini dell’Oasi consentendo così l’attività venatoria. E’ una risposta adeguata alle richieste di intervento giunte dai coltivatori della zona». Nei prossimi giorni i pannelli, che indicano i confini dell’area protetta, saranno materialmente spostati secondo le nuove indicazioni regionali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.