Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dal Parasio a Mare, la candadata di Imperia Insieme Laura Gandolfo rilancia la proposta dell’Amministrazione Sappa

La proposta per animare il quartiere alto della città

Imperia. Il Parasio è indubbiamente uno dei borghi più belli della città, caratterizzato da vicoli e piazzette, Chiese e luoghi di interesse artistico e culturale, con scorci di mare, il cui azzurro spesso contrasta con il fucsia e il viola della meravigliosa bouganvillea che cresce in ogni angolo.

Con il progetto “Dal Parasio a Mare”, creato dall’Amministrazione Sappa” – spiega Laura Gandolfo, candidata della lista Imperia Insieme -, “tutta la via centrale e la piazza al culmine del rione, sono stati riqualificati: con Claudio Scajola Sindaco, termineremo questo percorso, ravvivando uno degli scrigni più preziosi di Imperia.

Lasciare questa risorsa abbandonata a se stessa sarebbe davvero un delitto.

Secondo il progetto, ai proprietari dei locali a piano strada, oggi adibiti per lo più a depositi, verrà formalizzata una proposta,  attraverso una convenzione, per la quale il Comune si impegnerà a “scontare” agli stessi gli oneri di urbanizzazione e/o, più in generale, i costi connessi al cambio di destinazione d’uso dei locali, derogando, ove possibile e in quanto centro storico, alle normative igienico-sanitarie (altezze, rapporto aero-illuminante, ecc…), al fine di rendere i locali a destinazione di uso commerciale o artigianale. In questo modo, il Parasio si animerebbe! Lo merita.

I proprietari, dal canto loro, potrebbero magari garantire, per un periodo da valutare (potrebbero essere i primi sei anni, in ipotesi), la locazione a piccoli commercianti e artigiani ad un costo sostenibile per favorire l’insediamento delle stesse.

Il “nostro” Comune, con Claudio Scajola Sindaco vuole favorire l’insediamento delle attività commerciali e, soprattutto, l’affluenza della clientela per le stesse, vuole guardare la luna dove gli altri si fermano al dito…

I proprietari dei magazzini, dal canto loro, una volta reso il borgo vivo, possiederanno locali il cui valore sarà più elevato, ed avranno investito per sé e per il benessere della città.

Pronti ad un tavolo di confronto con “i protagonisti” di ogni iniziativa, nella bozza di progetto abbiamo inserito le attività di ristorazione e di bar, ad apertura anche serale ma compatibile con le esigenze dei residenti, all’interno del borgo. I locali più “notturni” sono stati posizionati, in ipotesi, in zone “di cintura” dove, per conformazione fisica (assenza di vicoli) il suono e i rumori potrebbero essere più controllati.

Con Claudio Scajola Sindaco pensiamo ad una città dove i residenti e gli esercenti possano convivere, facendosi reciproche concessioni che possano mediare ad esigenze talvolta anche contrastanti.

Il Borgo, manutenuto e vivo, potrebbe concedere spazi diurni e serali per l’organizzazione, costante nella bella stagione, di piccoli concerti, rappresentazioni teatrali, rassegne musicali o incontri letterari, anche per offrire a Imperia un calendario di eventi e manifestazioni che duri tutto l’anno.

Si deve anche pensare ad una manifestazione “caratterizzante”, con cadenza annuale, che diventi attrattiva e simbolo del luogo: una delle idee è “Grock al Parasio”, una festa degli artisti di strada per la quale i vicoli e gli spazi del quartiere sono perfetti.

Grock al Parasio permetterebbe peraltro di “unire” in un’unica festa Porto Maurizio e Oneglia potendo organizzare proprio a Villa Grock, il castello del re dei clown, tutta una serie di eventi collaterali.

La logistica, per quanto riguarda i parcheggi e i trasporti, non sarebbe particolarmente complicata, tenendo conto che il parcheggio di Piazza del Duomo ha un buon numero di posti e nei progetti della nostra amministrazione c’è la destinazione della palestra Maggi a parcheggio (previa evidentemente la realizzazione di una struttura sportiva più consona). Dalla Marina, inoltre, partono bus elettrici e trenini e gli ascensori… con Claudio Scajola Sindaco funzioneranno!

In alcuni centri storici (Marsiglia ad esempio) sono state inserite segnaletiche a pavimento (strisce colorate vere e proprie) o a parete che indicano, con partenza da alcuni punti precisi (i punti informativi turistici, che ci saranno!, per esempio) un percorso guidato per il turista o a carattere culturale o a carattere commerciale, ludico ricreativo. Per fare un esempio “colorato” la segnaletica azzurra potrebbe indicare il percorso culturale, mentre quella rossa il percorso “commerciale”.

Questo potrebbe portare – peraltro a costo zero – il turista dalla Marina alla Foce e da questa al Parasio, facendolo passare, attraverso una passeggiata tra le più belle di Imperia da ogni bar, ristorante, negozio, laboratorio dell’area in questione.

Insomma le idee sono tante, e senza particolari necessità economiche. Ci sarà certo bisogno della collaborazione di tutti, dai proprietari degli immobili ai commercianti, senza tralasciare i residenti…”.

Ma se vogliamo, e lo faremo! Rilanciamo Imperia, con Claudio Scajola Sindaco!

Laura Gandolfo – Imperia Insieme

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.