Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Come proteggere il nostro amico a 4 zampe dal calore estivo

Arriva l’estate e si alzano le temperature, quanto siamo consapevoli del caldo percepito dal nostro cane durante la passeggiata?

Più informazioni su

Arriva l’estate e si alzano le temperature, quanto siamo consapevoli del caldo percepito dal nostro compagno a 4 zampe durante la passeggiata? Vedo molti proprietari portare fuori il cane in città nelle ore più calde, la domanda che vorrei porre loro è la seguente: avete mai provato a camminare a piedi nudi sull’asfalto quando il sole è alto nel cielo?

Il cane ha i cuscinetti plantari (“polpastrelli”) con la cute più spessa della nostra ma è molto sensibile verso tutti gli stimoli incontrati come la tipologia del terreno o la temperatura dello stesso, senza contare i possibili incidenti con frammenti di vetro/metallo, spine o forasacchi ecc.

Queste sono tutte variabili da prendere in considerazione quando portiamo il nostro amico in passeggiata e che ci dovrebbero far prestare attenzione anche ai segnali che lui ci dà in relazione all’uscita: se inizia a zoppicare, camminare in modo “strano” o se si rifiuta di muoversi drizziamo le antenne.

Il caldo percepito su un terreno in campagna o su un prato è ben differente rispetto l’asfalto dove la temperatura percepita è di circa 20 gradi superiore a quella dell’ambiente esterno se c’è il sole. Quindi se abbiamo 25-30 gradi come temperatura media, l’asfalto ne avrà 45-50 minimo. Possiamo capire come il cane possa scottarsi anche i cuscinetti a quelle temperature oltre che a scaldarsi notevolmente, vista la vicinanza alla fonte di calore.

Potete fare una semplice prova per verificare quello che vi sto scrivendo: provate a mettere una mano per terra oppure provate a fare qualche passo a piedi nudi sull’asfalto. Vi ricorderà forse le corse sfrenate sulla spiaggia per arrivare il prima possibile in acqua? Se sentite caldo voi provate ad immaginare il vostro compagno a 4 zampe. I suoi cuscinetti a contatto diretto con l’asfalto bollente rischiano di scottarsi e arrivare a ferirsi seriamente se l’andatura è veloce e il percorso molto lungo.

Cosa fare quindi?

1. Evitare di uscire nelle ore più calde della giornata, preferire la mattina presto o la sera quando le temperature sono più fresche.

2. Evitare, se possibile, di condurre il nostro cane sull’asfalto al sole e cercare di seguire percorsi che siano all’ombra o fare pause in angoli ombreggiati per farlo riposare e recuperare la temperatura.

3. Se proprio dovete uscire nelle ore più calde portate sempre dell’acqua fresca con voi, oltre a dissetarlo potete anche bagnargli le zampe per rinfrescarlo.

4. Ricordiamoci di evitare di fare sport ed esercizi nelle ore più calde per scongiurare l’aumento della temperatura corporea e il rischio di un colpo di calore.

5. Scarpine per le zampe o creme protettive per cuscinetti possono essere aiuti ma non soluzioni, le scarpine possono scaldarsi notevolmente (senza contare il disagio provato dal cane quando le indossa) e la crema aiuta a mantenere idratata la pelle ma non protegge dal calore eccessivo dell’asfalto.

Dottoressa Marzia Massocco
http://evoluzionecinofila.blogspot.com
evoluzionecinoflia@gmail.com
https://m.facebook.com/maluevoluzionecinofila

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.