Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vallecrosia, l’amministrazione Giordano risponde alle dichiarazioni di Ugo Tasselli

"Quale interesse è stato garantito con questo accordo? Quello dei cittadini o quello di un privato?"

Vallecrosia. L’amministrazione Giordano, a seguito delle dichiarazioni dell’imprenditore edile Tasselli Ugo, presidente dell’associazione La Mia Città fiancheggiatrice del candidato sindaco Armando Biasi, risponde attraverso un comunicato stampa:

“L’Amministrazione comunale apprende dagli organi d’informazione che non solo l’imprenditore Ugo Tasselli, principale azionista della società con al quale ha, guarda caso, una relazione privilegiata, la cui moglie è parte della lista del candidato sindaco Armando Biasi, ha fatto chiudere il posteggio sul lungomare G. Marconi di loro proprietà, per poi prometterne la riapertura nel caso come vincitore delle elezioni risultasse il suo amico Armando Biasi, ma è riuscito pure, nelle poche righe pubblicate, ad evidenziare un vero e proprio scambio di interessi tra pubblico e privato per questo semplice, grave ed evidente motivo:

- La Società immobiliare Gloria, di cui rammentiamo il maggior azionista è Ugo Tasselli, ha nel 2007, con l’allora sindaco di Vallecrosia Silvano Croese, anche lui oggi candidato sindaco e Armando Biasi, allora vice sindaco, aveva messo a disposizione in comodato gratuito del comune il parcheggio…. ma in cambio di cosa? E’ lo stesso Ugo Tasselli nel suo comunicato stampa del 21 maggio 2018 a spiegarcelo: in cambio dell’assicurazione rilasciata dall’amministrazione Croese, come da sue testuali parole: “…che il Comune di Vallecrosia s’impegnasse a non cambiare la destinazione d’uso dell’area nell’itinere dell’approvazione del Piano Urbanistico Comunale..”.

Quale interesse è stato garantito con questo accordo? Quello dei cittadini o quello di un privato? Che Silvano Croese e Armando Biasi avessero promesso una utilità futura a un privato sotto banco? Per il “bene comune” ma di chi? L’amministrazione comunale in carica guidata da Ferdinando Giordano non vuole certo, come asserisce qualcuno, gettare fango ma cercare di fare chiarezza, in quanto ritiene quest’ultima caratteristica fondamentale del rapporto amministrazione/cittadino. Quanto asserito dal Sig. Ugo Tasselli è molto grave e l’attuale amministrazione comunale scopre solo ora, leggendo le sue affermazioni, i retroscena della parodia del tanto pubblicizzato “bene comune”.

Ricordiamo ancora che la Società Immobiliare Gloria, alla richiesta scritta di acquisto presentata dal comune al prezzo stimato dagli uffici competenti, datata 20 settembre 2017, ad oggi non ha mai fatto pervenire alcuna risposta, ne positiva ne negativa, anzi due settimane dopo, ha chiuso il parcheggio rendendo di fatto impossibile l’ inversione di marcia su quel tratto di Lungomare, troviamo ora, di cattivo gusto e inaccettabile che un candidato sindaco, cosi vicino a questa società prometta una miracolosa riapertura il giorno seguente la sua vittoria, noi non accettiamo ricatti. 

Ribadiamo che il Sig. Ugo Tasselli con i suoi soci (ai quali, è nostra opinione, dovrà certamente rendere conto) potrà fare di quel terreno l’uso che crede, sempre nel rispetto degli strumenti urbanistici vigenti, in quanto l’Amministrazione Comunale del Sindaco Ferdinando Giordano ha già risolto la problematica creata ad arte dai “sostenitori del bene comune” che hanno avuto evidentemente l’intenzione di danneggiare in primis i fruitori del lungomare e, leggendo certe affermazioni, in modo sicuramente strumentale alle elezioni comunali”.

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.