Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, l’8 maggio ospite ai Martedì Letterari del Casinò padre Federico Lombardi

Portavoce della Santa Sede, ha avuto modo di conoscere da vicino san Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e papa Francesco

Sanremo. Nell’ambito della rassegna “I Martedì Letterari” del Casinò di Sanremo l’8 maggio alle 16,30  partecipa, per la prima volta, padre Federico Lombardi, già portavoce della Santa Sede. Relazionerà su “Da Benedetto a Francesco” viaggio nella chiesa del terzo millennio.

In venticinque anni da direttore di Radio Vaticana (1991-2016) e dieci come direttore della sala stampa vaticana (2006-2016), padre Federico Lombardi ha avuto modo di conoscere da vicino san Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e papa Francesco. L’anno scorso, a 74 anni, è stato nominato presidente della Fondazione Ratzinger. Ha scritto :”Vatileaks 2. Il Vaticano alla prova della giustizia degli uomini” a quattro mani con Massimiliano Menichetti, giornalista della segreteria per la comunicazione.

In un’intervista a tempi ha descritto il suo impegno tra Papa Ratzinger e papa Francesco: “Benedetto era stato teologo e professore: la ricchezza e profondità del suo pensiero trasparivano nell’ordine e nella sistematicità di tutte le sue forme espressive e anche la sua fede e spiritualità si manifestavano in modo affascinante in particolare nelle omelie liturgiche. Ma Benedetto andava “seguito” nello sviluppo del suo discorso: questo era bello, possibile e valeva certamente la pena, ma non era sempre facile. Egli era eminente nel rispondere in dialogo alle domande, soprattutto a un certo livello culturale, ma non aveva il dono di interloquire vivacemente con assemblee di popolo o di giovani molto numerose. Francesco ha un evidente carisma di “prossimità”, elimina le distanze grazie a parole e gesti concreti, semplici, diretti, molto espressivi che colpiscono e suscitano emozioni ed empatia. Il tono e il linguaggio sono genuinamente evangelici, non solo nello spirito, ma anche nella forma”.

Padre Federico Lombardi è nato a Saluzzo (Cuneo) nel 1942, padre Federico Lombardi, nominato da Benedetto XVI nuovo direttore della sala stampa della Santa Sede, compie la propria formazione scolastica a Torino presso l’istituto “Sociale” dei Padri Gesuiti. Nel 1960 entra nel noviziato della Provincia torinese della Compagnia di Gesù ad Avigliana (Torino). Dopo gli studi filosofici presso la facoltà filosofica “Aloisianum” dei Gesuiti a Gallarate (Varese), conclusi con la licenza in filosofia, dal 1965 al 1969 è assistente degli studenti del Collegio Universitario diretto dai Gesuiti a Torino; presso l’Università del capoluogo piemontese nel 1969 consegue la laurea in matematica. Nel 1972 viene ordinato sacerdote e l’anno successivo consegue la licenza in teologia presso la facoltà teologica della Phil.-Teol. Hochshule St Georgen dei Gesuiti a Frankfurt am Main. Membro del collegio degli scrittori della “Civiltà Cattolica” dal 1973, nel 1977 padre Lombardi diviene vicedirettore della rivista. Nel 1984 viene nominato Superiore Provinciale della Provincia d’Italia della Compagnia di Gesù; incarico che manterrà fino al 1990. L’anno successivo viene chiamato alla direzione dei programmi della Radio Vaticana. Dal 2001 padre Lombardi è anche direttore generale del centro televisivo Vaticano, e presso la Radio Vaticana dal 2005 ricopre l’incarico di direttore generale; cariche che continuerà a mantenere anche in qualità di direttore della Sala stampa vaticana sino al 2016. L’anno scorso, a 74 anni, è stato nominato presidente della Fondazione Ratzinger.

Mercoledì 9 maggio alle 16,30, in collaborazione con la prefettura di Imperia IV Festa internazionale dell’Europa al Casinò di Sanremo. Il prof. Louis Godart relazionerà su: “Cittadinanza Europea e diritti umani”. Il concetto di cittadinanza nasce nel secolo VI a.C, ad Atene, in Grecia e fu introdotto attraverso uno dei pilastri più importanti che persiste al giorno dioggi: la democrazia. Il Prof. Louis Godart ci parla di “Cittadinanza europea e diritti umani”. Affronta diversi temi legati all’ essere cittadino: dalla nascita del concetto di cittadinanza, al paragone del concetto di cittadinanza in una città e in relazione con uno stato. Spiega inoltre cosa significa oggi essere cittadino europeo. In ultimo esplora il lungo cammino e l’evoluzione dei diritti umani nella storia fino ad arrivare alle tematiche legate alle migrazioni, una prospettiva dove il concetto di Europa si lega a quello di persona. Omaggio a Gioacchino Rossini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.