Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, Biblioteca civica ancora senza wi-fi, Commissione UE lancia WiFi4EU che potrebbe risolvere il disservizio foto

L'UE mette sul piatto ben 120 milioni di euro per il periodo 2017/2019 a qualsiasi comune che ne faccia richiesta

Più informazioni su

Sanremo. Il triste avviso compare ormai da alcuni mesi. Al banco ‘reception’ della Biblioteca Civica di Sanremo viene segnalato il non funzionamento del wi-fi indispensabile per i tanti fruitori, in particolare studenti (delle superiori o universitari che devono preparare esami o addirittura tesi di laurea), che frequentano il luogo dedicato alla lettura e allo studio.

Il Comune dice di essere a conoscenza del disservizio e che sta cercando di rimediare ma i tempi restano incomprensibilmente lunghi e al desk della Biblioteca ci dicono che negli ultimi tempi sono sensibilmente diminuiti gli accessi proprio a causa della mancanza di collegamento wi-fi. Una situazione che non si può neppure definire da terzo mondo dato che ormai in tutto il pianeta l’accessibilità alla rete è garantita e una città come Sanremo non può essere presa come esempio negativo. Si apre però una possibilità grazie all’Unione Europea.

Si tratta di un’iniziativa chiamata “WiFi4EU – Free Wifi for Europeans” facilmente traducibile, che spiega quale sia l’obiettivo: “La Commissione Europea vuole promuovere la connettività wifi gratuita per i cittadini e gli ospiti in ambito di spazi pubblici quali parchi, piazze, edifici pubblici, biblioteche, musei eccetera”. A sostegno del progetto la UE mette sul piatto ben 120 milioni di euro per il periodo 2017/2019 a qualsiasi comune che ne faccia richiesta.

“Oggi proponiamo di dotare ogni città europea – dice Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Europea – della connessione wireless gratuita a partire dal 2020″. Ogni comune potrà accedere a questo finanziamento a fondo perduto di 15mila euro necessari per coprire i costi per equipaggiare ed installare i punti di accesso wifi mentre all’ente fruitore resta il costo della connessione e l’obbligo di mantenere la gratuità per almeno tre anni.

Domani, 15 maggio, alle 13 scatta il lancio dell’iniziativa che vedrà la partecipazione di tantissimi comuni pretendenti in tutta Europa. Ma il comune di Sanremo sarà in grado di almeno tentare di ottenere questi soldi e risolvere finalmente il disservizio che certo non fa onore alla luccicante capitale turistica della Riviera dei Fiori?

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.