Funzionaria INPS di Sanremo maleducata ed impreparata: la segnalazione di una pensionata

"La persona in questione mi ha anche incalzato affermando che io avevo ereditato una casa e che lei invece non aveva nulla"

Più informazioni su

Sanremo. Ci scrive Carla Pignotti, una pensionata: “Mi ero presentata 13 giorni fa ad uno sportello Inps (corso Cavallotti ndr) per ricevere informazioni circa la mia pensione e il diritto alla quattordicesima mensilità, mi era stato risposto che non sapevano nulla e che dovevo prendere appuntamento per parlare con una persona in grado di fornirmi tali dati.

Mi dettero appuntamento per il 3 maggio 2018. Quindi mi sono presentata oggi all’appuntamento stabilito alle ore 10, dopo 20 minuti di attesa, una signora (che presumo funzionaria) mi fa accomodare in un ufficio e subito dopo la mia domanda: come viene determinato il reddito di una persona al fine del diritto alla quattordicesima? Mi viene risposto che lei non lo sa perché viene determinato automaticamente da un programma e aggiunge che lei non ha tempo da perdere perché ha molte cose da fare. Allora mi chiedo perché mi è stato dato un appuntamento quando questa funzionaria non conosce le risposte? Avevo altre cose da chiedere, ma a questo punto mi ha praticamente invitata ad andare via perché a suo dire molto indaffarata. Mi chiedo perché io devo pagare uno stipendio a persone che non sanno fare il loro lavoro?

La persona in questione mi ha anche incalzato affermando che io avevo ereditato una casa (peraltro dispendiosa fino a vendita) e che lei invece non aveva nulla. Diciamo che la professionalità di una persona si evince anche da certe espressioni fuori luogo.

In conclusione desidero, se possibile, mettere in guardia i poveri pensionati inermi con la pensione minima e qualche altro piccolo reddito (cosa che permette loro almeno di mangiare fuori dalle pattumiere): fate attenzione agli appuntamenti che vengono dati soltanto per far perdere del tempo alla gente che oramai è impotente di fronte alla inerzia di certi impiegati”.

Più informazioni su