Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Autovelox in Francia senza pietà: il 50% degli eccessi di velocità compresi tra 1 e 5 km/h

La causa sarebbe dovuta all'assenza della fascia di tolleranza

Più informazioni su

Sei mai stato multato per eccesso di velocità solo per 1 km/h? Non sei l’unico! La maggior parte delle violazioni rilevate dagli autovelox francesi comporta violazioni della velocità molto piccole tra 1 e 5 km/h. Sappiamo da molto tempo che gli autovelox automatici registrano quasi solo piccoli eccessi di velocità. Ad esempio, durante l’anno 2015, gli autovelox hanno registrato il 95,73% delle velocità di velocità inferiori a 20 km/h.

Oramai, la velocità di oltre 30 km/h è diventata marginale con solo l’1% delle infrazioni, mentre la quota di eccesso di velocità al di sotto dei 20 km/h è notevolmente aumentata negli ultimi anni. Fino ad ora, il ministero degli Interni d’oltralpe non ha mai rivelato la distribuzione dettagliata dell’eccesso di velocità in questa fetta di 20 km/h. Ma oggi è stato fatto grazie a dati ufficiali della Delegazione per la Sicurezza Stradale (DSR).

 

 Il 50% degli eccessi di velocità registrati è per eccessi inferiori ai 5km/h                                                                                                                                                      Il DSR ha presentato dei dati dettagliati che ritraccia, ogni 5 km/h, la parte delle infrazioni inferiori o uguali a 20km/h registrate dall’insieme degli autovelox automatici fissi e mobili in un periodo di 5 anni tra il 2011 e il 2015.

In totale, in questo periodo, il 94,65% delle violazioni registrate sono per il superamento del limite di velocità consentito inferiore a 20 km/h. Ma non appena guardiamo nei dettagli, ci rendiamo rapidamente conto che è l’eccesso di velocità più debole a generare il maggior numero di reati.

Il 50,04% degli eccessi di velocità registrati dagli autovelox comporta violazioni della velocità molto piccole tra +1 e +5 km/h. Quindi, più i superamenti di velocità sono importanti e più la percentuale di questi diminuisce. Vi sono il 27,29% di reati compresi tra +6 e +10 km/h, quindi l’11,99% per i reati compresi tra +11 e +15 km/h e infine il 5,33% per i reati tra +16 e + 20 km/h.

 

Il DSR non fornirà mai dati più dettagliati, ma tenendo conto dell’attenuazione del numero di infrazioni più l’eccesso di velocità, si può presumere che l’eccesso di velocità è di solo 1 km/h ed è vicina a 20 % dei reati totali.

In seguito a questi dati, il senatore Vincent Delahaye ha proposto al governo di proporzionare l’importo della multa in relazione al livello di eccesso di velocità secondo un calcolo matematico piuttosto complesso. In effetti, essa propone che per tutte le infrazioni al di sotto di un superamento di 50 km/h, l’importo dell’ammenda fissa debba essere calcolato dall’importo della contravvenzione ridotta di una percentuale che aumenterebbe secondo la differenza di velocità trovata.

Ad esempio, per un eccesso di velocità di 1 km/h (esclusa la zona 50), l’ammontare della multa forfettaria sarebbe ora di 45 € + (1% x 45 €) = 45,45 euro invece di 68 euro attuali. Questo calcolo porta anche ad una riduzione d’importo della multa forfettaria anche per l’eccesso di velocità, ad esempio per un superamento di 37 km/h, il nuovo importo sarebbe 123,3 euro invece di 135 euro (90 + (37 % * 90)).

Ma questo ricalcolo riguarda solo l’importo della multa forfettaria e nella maggior parte dei casi, i trasgressori pagano la multa rapidamente per approfittare della riduzione di prezzo. Il senatore chiede quindi che per le violazioni di velocità inferiori a 5 km/h, che rappresentano il 50,04% delle contravvenzioni, l’ammontare dell’ammenda ridotta possa essere scontata di una percentuale pari al numero di km/h in eccesso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.