Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Uovo o colomba? Ecco cosa preferiscono gli imperiesi per festeggiare la Pasqua

Con l'arrivo delle feste pasquali torna il classico dilemma su quale dolce condividere insieme a familiari e amici

Imperia. Colomba o uovo? Con l’arrivo della Pasqua torna il classico dilemma su quale dolce simbolo di questa festività condividere insieme a familiari e amici. C’è chi preferisce la soffice pasta gialla con i canditi e chi invece non ha alcuna esitazione nel scegliere i golosissimi gusci al cioccolato.

Tendenzialmente, sono gli adulti a incoronare regina delle feste pasquali la colomba, soprattutto quella artigianale, mentre i più piccoli, da sempre, vanno matti per l’uovo e la sorpresa contenuta al suo interno. Tuttavia, quale dolce portare in tavola alla fine del tradizionale pranzo è ogni anno una decisione difficoltosa, tanto che quasi tutti li scelgono entrambi.

Considerando le vendite in alcune pasticcerie del capoluogo, emerge che gli imperiesi preferiscano l’uovo. “Quest’anno le vendite delle uova di Pasqua sono state nettamente superiori a quelle delle colombe. Entrambi prodotti artigianali che sono andati a ruba, ma le richieste per le uova sono andate per la maggiore”, dicono dalla pasticceria Da Maurizio e Charlie di Imperia.

Parità di vendite invece alla storica pasticceria La Veneziana di Sanremo, il cui titolare non si sente di decretare un unico vincitore.

Ancora l’uovo, invece, trionfa alla pasticceria Mondino di Ventimiglia: “I più piccoli ne vanno matti e i genitori li accontentano acquistando un uovo di qualità fatto artigianalmente da noi“, evidenzia con entusiasmo il titolare.

L’uovo al cioccolato sarà dunque il dolce per eccellenza delle feste pasquali in Riviera. Uova fondenti, al latte, con le mandorle, ma anche senza zucchero, senza glutine e addirittura vegane, quindi con il latte di soia o quello di riso. Perché negli ultimi anni anche nell’imperiese siamo diventati molto più attenti a ciò che mangiamo e per questo motivo all’uovo preparato con la ricetta classica si va sempre di più alla ricerca di uova “salutari” o “green”. In quest’ottica, ambiti sono pure i prodotti di pasticceria, a base di cioccolato purissimo. Uova create dalle sapienti mani di pasticcieri locali di cui si conosce ogni ingredienti, che battono di gran lunga quelle dei supermercati.

Ma da dove arriva l’uovo di Pasqua? L’uovo pasquale ha origini antichissime, antecedenti alla nascita della religione cristiana nonostante oggi ne sia uno dei principali simboli. Il suo significato è legato alla vita e alla rinascita, per questo motivo in tempi moderni lo associamo alla festività cristiana in cui si festeggia la resurrezione di Cristo. Inizialmente veniva utilizzato l’uovo sodo che in seguito ha lasciato posto alla sua più celebre versione realizzata in cioccolato, al cui interno è inserita una sorpresa che lo ha reso particolarmente celebre tra i più piccoli e proprio la sua grande popolarità ha reso necessario una preparazione di tipo industriale a discapito di quella artigianale, più costosa seppur di maggiore qualità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.