Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, riaperta la strada a Montegrazie foto

Era stata chiusa a seguito della frana avvenuta con l’alluvione del 2014

Più informazioni su

Imperia. Il Settore Lavori Pubblici del Comune imperiese informa che ha riaperto la strada a Montegrazie che era stata chiusa a seguito della frana avvenuta con l’alluvione del 2014.

L’intervento appena ultimato, consistente nella posa di pali di grosso diametro per contenere il piede della frana ed il fronte più esposto proprio in corrispondenza della strada, ha richiesto al Comune un impegno finanziario di 308.000 euro.

Dopo la fine dei lavori si è atteso qualche giorno prima di riaprire il passaggio, al fine di monitorare i movimenti della falda sotterranea con le ultime precipitazioni. Nel sottosuolo è presente una ingente quantità acqua, che continua a lubrificare tutti gli strati della frana; per questo è previsto un secondo lotto di lavori, già finanziato nel bilancio di previsione 2018 con i fondi UE del POR-FESR per altri 235.000 euro, che partirà non appena possibile e che prevede l’installazione di drenaggi, per deviare le acque sotterranee ed impedire che in caso di intense precipitazioni la massa di terra si rimetta in movimento.

Nel frattempo, si stanno predisponendo delle misure di protezione civile e pertanto potrebbe rendersi necessario, almeno fino all’ultimazione del secondo lotto di lavori, chiudere la strada nel caso la falda dovesse salire ad un livello di allerta a seguito di intense precipitazioni.

L’assessore Guido Abbo dichiara: “La natura comanda lei, ed ha sempre ragione, e quindi purtroppo in quell’area ci sarà sempre una massa di terra potenzialmente pericolosa. Oltre a completare l’intervento in corso, sarà quindi necessario attivare un sistema di monitoraggio definitivo per mantenere sempre costantemente la situazione sotto controllo, anche in futuro. Il nostro è un territorio fragile, sempre esposto a questo tipo di problematiche; oltre a reagire in seguito agli eventi dobbiamo cercare di conoscere meglio possibile le zone critiche in modo da non farci trovare impreparati in caso di eventi eccezionali”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.