Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, esplosione alla “Eurobet”: tre condanne e un rinvio a giudizio foto

Secondo l'accusa i due soci avrebbero assoldato la gang di albanesi per commettere l'attentato e intascare i soldi dell'assicurazione

Imperia. Tre condanne e un rinvio a giudizio per i quattro imputati accusati in concorso di incendio doloso aggravato e morte in conseguenza di un altro reato: è così che stamane in tribunale si è concluso il processo relativo all’esplosione della sala scommesse  “Eurobet” di via del Collegio. Era la notte del 2 novembre 2015 e nell’attentato persero la vita due giovani cugini albanesi: il 19enne Albert Jakupaj e il 29enne Aranit Isamajlukaj, che morì alcuni giorni dopo al Centro Grandi Ustionati di Genova.

Il gup Paolo Luppi ha condannato a 4 anni e 8 mesi di reclusione uno dei soci della sala scommesse Michele Mucciolo, difeso dall’avvocato Alessandro Mager, e a 4 anni Ippolito Trifilio, cliente abituale, assistito dall’avvocato Loredana Modaffari. Un terzo imputato, l’albanese Mretjev Ismajlukaj, ha invece patteggiato una pena a 1 anno e 6 mesi. Cugino delle due vittime, l’uomo considerato il “palo” durante l’attentato incendiario, era difeso dall’avvocato Ramadan Tahiri.

Il prossimo 2 ottobre, invece, inizierà il processo ad Alessio Alberigo, anch’egli socio dell’Eurobet, che oggi è stato rinviato a giudizio. Secondo l’accusa i due soci avrebbero assoldato la gang di albanesi per commettere l’attentato e intascare così i soldi dell’assicurazione che servivano per pagare dei debiti.

Nel corso dell’udienza di stamane, sono inoltre state accordate provvisionali per circa 100mila euro da destinare alle diverse parti civili, tra cui commercianti e condomini della palazzina danneggiata che avevano subito danni in seguito alla violenta esplosione.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.