Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il pittore, scultore e poeta sanremese Kipewa si racconta: “Esterno una parte di me”

Con l'arte ha cominciato a cimentarsi fin da bambino anche se solo da pochi lustri si è fatto conoscere, grazie alle sue pregevoli opere, al pubblico degli appassionati

Sanremo. Kipewa, nome d’arte di Gabriele Di Costanzo, originario dell’Abruzzo, è nato a Farindola, ma da sempre vive a Sanremo, oltre ad essere un tecnico pubblicitario marketing, al di fuori della sua professione è conosciuto soprattutto come pittore e scultore. E’ anche un raffinato poeta.

Con l’arte ha cominciato a cimentarsi fin da bambino anche se solo da pochi lustri si è fatto conoscere, grazie alle sue pregevoli opere, al pubblico degli appassionati. Lo abbiamo intervistato attraverso una carrellata di domande sulla sua attività, non solo artistica.

Kipewa, qual era, da piccolo, il tuo rapporto con l’arte?

“Molto creativo. Ricordo che una volta, quando frequentavo le elementari, venni premiato all’Ariston, insieme ad altri compagni, per un disegno sulla Festa della mamma”.

Quando hai cominciato a fare sul serio?

“Una ventina di anni fa. Prima disegnavo ma tenevo tutto per me. Sulla spinta degli amici, come capita di solito, mi sono deciso a mettermi in gioco. Devo ringraziare Nanni Bensa, un noto e bravissimo pittore sanremese che aveva l’atelier alla Foce. Dopo aver visto dei miei carboncini mi ha incoraggiato non solo a continuare ma a metterli in mostra. Venne così la mia prima esposizione, allestita a Villa Boselli di Arma”.

A proposito di Villa Boselli, se non sbaglio questa storica dimora ti ha visito protagonista anche come poeta.

“E’ vero. Avevo partecipato al concorso internazionale ‘Ossi di seppia. E ottenuto un riconoscimento. Un altro premio lo ricevetti in un concorso a Sanremo. D’altra parte la poesia mi ha sempre affascinato. Mettere sulla carta le emozioni è qualcosa di straordinario e appagante. Anche oggi continuo a scrivere liriche e poesie”.

Di che genere sono?

“Emozioni della vita di tutti i giorni. Magari anche solo dopo aver ascoltato un telegiornale e sentito di una guerra, mi immergo in quella dimensione e scrivo. Oppure sui soprusi alle donne e ai bambini”.

– Pittura e scultura le tue attività principali. Quale delle due prediligi?

“Una vale l’altra. Lavoro il legno con il flessibile. L’attività come scultore e pittore sono per me ugualmente appaganti”.

- I temi della tua pittura prediletti?

“Variano moltissimo. Dagli animali alle persone. Non sono io ad esternare la mia arte ma una parte di me, Kipewa”.

I tuoi pittori preferiti?

“Van Gogh, il genio di Leonardo, Michelangelo, Salvador Dalì e Picasso”.

- E i poeti preferiti?

“Amo molto Jacques Prévert. E, fra gli italiani, Trilussa. Amo anche, ma come scrittore, Thich Nhat Hanh, monaco buddista”.

Altre passioni?

“Meditazione yoga attraverso il freddo. In inverno mi immergo nei laghetti o mi butto nella neve. Ma ho fatto anche maratone e parapendio. Tutto ciò è insieme un modo per ricercare nuove emozioni. Apprezzo molto la montagna. Amo pure il cinema. E Totò, e la sua ‘A livella’. E il teatro”.

A proposito, tu hai anche recitato.

“Sì, qualche volta. Ricordo spettacoli al teatro di San Rocco e a quello del casinò”.

Progetti futuri?

“Con l’Associazione I Colori della Gioia, di Gioia Lolli, stiamo portando avanti diversi progetti sia a livello provinciale che nazionale”.

Intanto la mostra con le opere di Kipewa, organizzata proprio da I Colori della Gioia, all’Hotel Nazionale, proseguirà fino al 30 aprile.

Nella foto le Opere di Kipewa esposte all’Hotel Nazionale

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.