Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vallecrosia, Fabio Perri sul futuro dell’area ex Tonet: “Cinque anni di interventi nelle sedi opportune, Biasi dov’era?” foto

Il candidato sindaco replica all'ex primo cittadino: "L'assemblea era per far conoscere il progetto ai genitori, a loro doveva essere lasciato lo spazio per le osservazioni"

Vallecrosia. L’incontro tra genitori e amministrazione comunale che doveva servire per spiegare il progetto di riqualificazione dell’ex Tonet alla cittadinanza è sfociato in una polemica che non accenna a fermarsi. Fabio Perri, candidato sindaco per la lista civica “Voi con Noi” non ci sta e chiarisce il suo punto di vista sull’intervento di Armando Biasi durante la sera dell’assemblea pubblica.

“Non capiamo perché ci vediamo citati e tirati in causa in merito al fatto di non aver dato risposte in quella sede, abbiamo lasciato spazio ai genitori e agli insegnanti di poter esprimere la loro opinione e di poter confrontarsi con il sindaco e la sua giunta – esordisce il candidato sindaco Fabio Perriin quanto l’incontro era dedicato a loro e non ai politici.

In questi cinque anni voglio sottolineare – continua Perri – che l’attenzione, molto alta, e le iniziative intraprese sono state molte e solo oggi sono state portate avanti dalla maggioranza proprio grazie ai nostri continui interventi e richieste nelle sedi opportune.

Elenchiamo alcune attività svolte in cinque anni a favore della scuola tangibili da atti e verbali e testimonianze giornalistiche:

– Ci siamo battuti affinchè venisse creata l’area di sicurezza , eliminata durante i lavori di costruzione della palestra senza prevederne una sostitutiva, anche se al momento quella realizzata non risulta comunque idonea.
– Abbiamo richiesto la deratizzazione consapevoli che all’interno della scuola più volte si erano visti ratti ( ne danno testimonianza articoli di giornali correlati dalle fotografie)
– Abbiamo richiesto di inserire a bilancio somme per pitturare lo stabile delle scuole presentando degli emendamenti al bilancio che non sono stati accolti dalla maggioranza
– Abbiamo fatto dure battaglie in consiglio comunale e nelle varie commissioni per l’apertura della tensostruttura adibita a palestra e al momento in cui eravamo pronti ad organizzare una manifestazione l’amministrazione si è adoperata a richiedere ciò che mancava per eseguire l’apertura ( ne danno testimonianza i volantini che avevamo già pronti e stampati per distribuire, unitamente ai verbali di commissione e reistrazioni di consiglio comunale)
– Abbiamo convocato consigli comunali ad hoc per parlare di sicurezza
– Durante le commissioni bilancio abbiamo richiesto di investire fondi per il rifacimento dell’impianto elettrico completamente non a norma
– Abbiamo organizzato un flash mob davanti alle scuole per sensibilizzare l’amministrazione comunale alla sicurezza
– Abbiamo richiesto di investire Euro 35.000,00 per l’installazione delle telecamere e di un allarme ma l’amministrazione ha previsto tali fondi a bilancio solo nello scorso mese di Febbraio 2018 preferendo investire tali somme in altri interventi.
– Più volte ci siamo recati nel plesso scolastico reperendo materiale fotografico delle problematiche esistenti e sollecitando gli interventi ( alcuni dei quali solo dopo nostro intervento sono statio realizzati vedi piccoli lavori nel plessetto)
– Abbiamo fatto una dura battaglia per la sostituzione dello scivolo divelto all’interno del giardino della scuola dell’infanzia
– Abbiamo richiesto più volte di essere convocati nelle commissioni mense e di aver la possibilità di andare a pranzare a scuola per comprendere le problematiche che si riscontravano

E queste sono solo alcune delle attività svolte nell’arco di questi cinque anni, in merito al progetto che vedrà la realizzazione della nuova scuola è stata nostra cura e premura richiedere in tempi non sospetti un incontro, come minoranza, in quanto ci siamo resi conto che il progetto che l amministrazione attuale stava avallando riduceva fortemente i volumi dedicati alla scuola, con la dirigenza scolastica e con i responsabili dei vari ordini di grado dello stesso istituto i quali possono confermarlo, nel quale chiaramente la direzione didattica ci ha trasferito le esigenze di cui necessitavano in quel momento.

Pertanto essendo che noi non siamo dei tecnici diversamente da quanto da lui dichiarato ci limitiamo ad ascoltare i nostri cittadini a comprendere con loro quali sono le problematiche e a richiedere interventi all’amministrazione per poter apporre soluzioni usando la logica e il buon senso secondo il principio del buon padre di famglia senza arroganza e sapienza.

Ma queste attività svolte sopra elencate sono a conoscenza di Biasi?

In questi cinque anni forse anzi leggendo quanto dichiarato sono convinto e certo – continua Perri – che Biasi non si è visto e sentito per difendere nessun problema non solo della scuola ma della città e che non è a conoscenza di alcuna attività da noi promossa o delle battaglie da noi sostenute per il bene dei nostri cittadini e di Vallecrosia se non adesso cavalcando la polemica vista la prossima campagna elettorale ma noi come minoranza ci sentiamo con la coscienza a posto di aver fatto tanto per la città nella veste del nostro ruolo.

In questi cinque anni le tante persone che ci hanno seguito sanno quanto amore e passione e convinzione abbiamo messo nello svolgere il nostro ruolo perché a noi interessa solo il bene di Vallecrosia, dei nostri cittadini e dei nostri ragazzi.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.