Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Union Riviera Rugby si prende lo scalpo di San Mauro

Ora se la gioca per il primato nel girone di passaggio

Più informazioni su

Imperia. Una squadra e soprattutto un gruppo in crescita. Si va a giocare di fronte al San Mauro che aveva creato grattacapi nel contesto della prima fase, vincendo anche ad Imperia. E si va determinati, con un gruppo di venti elementi. San Mauro pressa per il primo quarto della partita.

La difesa corsara è ordinata e aggressiva e non concede punti. Il direttore d’orchestra, in liberazione, è Calzia, che si inventa un bel grabber preda di un reattivo Demasi che se ne va quasi in meta, ma la terra promessa è rimandata di poco perché la squadra è tonica e Castaldo innesca l’apriscatole Barbotto che si porta la difesa a spasso, segna e permette la trasformazione. E Calzia ha una tomaia caldissima da posizione impossibile. In più piazzerà altri due calci di punizione.

Il primo tempo si chiude su 13 a zero per la Union: San Mauro non concretizza e i calci di punizione comunque concessi sono affetti da cachessia…difatti non arrivano al fine. Nel secondo tempo è tutto fotocopia, San Mauro aggressivo, focoso e anche falloso. Difesa corsara da babordo e tribordo. Non passa nessuno, anzi, Novaro innesca ancora una volta Barbotto, altra meta, altra conversione al piede di Calzia.

A questo punto si va sul concreto, con baruffe e un calo comprensibile della mischia ospite che deve tenere botta per tutta la partita ormai per la stagione intera. San Mauro può rimontare e una difesa slabbrata concede ben tre mete. Se ci fossero le conversioni sarebbe un’altra beffa. Ma non c’è Biggar o Carter, bensì un mediano d’apertura ostinato. E così finisce sul 15 a 20 per i corsari. Miniman of the match per un Attilio Damiano che a dispetto di un fisico non imponente, non solo è stato implacabile placcatore, ma ha pure portato avanti la palla. E lì si vede quanto sia importante il lavoro di formazione in più cicli giovanili.

Calzia è il solito goniometro. Castaldo è sinfonico, Gambini come centro è anche ottimo difensore e Gabaglio si ritrova come tale ad alto livello. In mischia tutti bene, con le seconde e terze linee molto mobili, da Vazio, a Bellifiori, a Ferrua, a Novaro che supera il contatto di testa d’inizio partita e gioca da capitano. Franzi, come sempre, è concretezza. Fra i tre quarti, spicca il ritrovato Demasi. Ora c’è un recupero in vista, con Rivoli e poi c’è uno Stade Valdotain che ha preso la testa ed attende la Union in terra di lingua franca bel quesito: ci si tiene al primo posto nel girone ed alle basi per un bel futuro.

Serie C1 II FASE GIRONE 4 (RECUPERO)

San Mauro – Union Riviera 15/20

Rivoli – CFFS Cogoleto ND

Stade Valdotain – CUS Torino 38/12

CLASSIFICA: Stade Valdotaine 20, Union Riviera (*) 16, San Mauro punti 15, CUS Torino 11, Rivoli (*) 6, CFFS Cogoleto 0.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.