Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

San Bartolomeo al mare, nel 2018 tasse e tariffe comunali rimangono invariate

L'approvazione nello scorso consiglio comunale. Sindaco Urso: "Mi piacerebbe farle scendere ma le disponibilità finanziarie dell'ente non lo permettono"

San Bartolomeo al mare. Buone notizie per i sanbartolomesi: le tasse e le tariffe comunali non aumenteranno. Iuc e Tari resteranno per il 2018 invariate rispetto a quelle dello scorso anno. La decisione è stata presa dall’Amministrazione Urso nell’ultimo Consiglio comunale.

Quindi, per quanto riguarda l’Imposta unica comunale -iuc, abitazione principale 4.0 per mille; seconda casa 10.5 per mille; strutture ricettive, negozi, bar, ristoranti, pizzerie e botteghe, laboratori e stabilimenti balneari, uffici e studi privati, banche, alberghi e capannoni produttivi 7.6 per mille; colonie, asili e ospedali 7.6 per mille; aree fabbricabili 10.6 per mille; terreni agricoli 5.7 per mille; fabbricati strumentali all’attività agricola 0.0 per mille; e immobili merce 0,0 per mille

Quanto alla detrazione per l’abitazione principale, questa resta a 200 euro. È stato invece stimato a quota 2.411.009,00 euro il gettito complessivo dell’Imposta municipale propria derivante dalle aliquote e dalle singole detrazioni, al netto: 1) delle trattenute di €. 743.876,00 a titolo di quota di alimentazione del Fondo di solidarietà comunale 2018; 2) delle trattenute di €.1.256.037,00 a titolo di incapienza del Fondo di solidarietà comunale 2018.

Restano invariate anche le tariffe Tari, la tassa sui rifiuti, di cui di seguito si riporta lo specchietto relativo ai costi del servizio per l’anno in corso:

Tari_SanBartolomeoalmare

Notizie positive, inoltre, per gli automobilisti: restano uguali anche le tariffe dei parcheggi.

Siamo lieti di non andare a toccare le imposte comunali che per l’anno 2018 rimangono invariate rispetto al precedente esercizio – commenta il sindaco Valerio Urso –. Mi piacerebbe anzi farle scendere ma le disponibilità finanziarie dell’ente non lo permettono. Ci sono partite, come quella di Rivieracqua, che ci legano le mani e non ci permettono, ad oggi, di fare un ulteriore sforzo verso i cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.