Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nell’inchiesta “Blood Money” di Fanpage sul traffico di rifiuti spunta il nome di un sanremese foto

A quanto sostiene un trafficante di rifiuti : ”Se anche lo mettono sotto tortura lui non sa un cazzo”

Più informazioni su

Sanremo. Anche il nome della Città dei Fiori entra all’improvviso nell’inchiesta di “Fanpage” “Bloody Money”. La testata online, con i suoi reportage, sta diventando famosa smascherando il loschi maneggi che sottendono al business dei rifiuti in Italia.

riviera24 - fanpage maurizio sanremo

Lo stratagemma giornalistico è quello di portare l’ex boss della camorra pentito, Nunzio Perrella, al cospetto di politici, imprenditori e faccendieri, con l’obbiettivo di smascherarli. Sotto la lente d’ingrandimento di Fanpage era caduto per primo Roberto De Luca (PD), finito indagato dopo l’inchiesta del giornale online, per gli intrecci tra camorra e politica sullo smaltimento rifiuti. De Luca si è poi dimesso dal suo incarico di assessore al Bilancio del Comune di Salerno.

Ma è nell’ultimo episodio dell’inchiesta (probabilmente dopo questo Fanpage porterà i servizi in Procura) che spunta fuori un sanremese. L’ex boss Perrella incontra tale “Alex”, un trafficante di rifiuti, che gli propone contattare un imprenditore in crisi e offrirsi di pagare i suoi debiti, ottenendo così in cambio i permessi di cui gode il suo stabilimento di più di 2mila metri quadrati. Al minuto 5.20 del video l’interlocutore di Perrella spiega: “Abbiamo già fatto il cambio di amministratore, e il nostro uomo – dice Alex - è ligure, di Sanremo”. Questo sanremese, si chiamerebbe Maurizio e, a quanto sostiene il trafficante di rifiuti : ”Se anche lo mettono sotto tortura lui non sa un cazzo”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.