Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Liguria, sono 12 i nuovi agrichef liguri di cui 2 i primi “Fisher-chef” d’Italia

Questa prima edizione del corso è stata un vero e proprio successo

Liguria. Si è concluso il primo corso Agrichef della Liguria, organizzato da Coldiretti Liguria e Terranostra, con l’assegnazione del titolo a 12 cuochi provenienti dalle quattro provincie della Regione.

Il corso Agrichef è frutto dell’esigenza di professionalizzare il settore, far crescere la qualità nelle strutture ricettive Terranostra Campagna Amica e renderle portavoce dei valori della nostra terra e in questo caso, anche del nostro mare. Infatti la Liguria è stata la prima a diplomare anche due ittiturismi. I gestori, infatti, hanno accettato la sfida e si sono cimentati nel corso, portando la loro esperienza di cucina di pesce ligure, dando adito a quel connubio di competenze che ci può essere tra i due tipi di cucina, così distanti sulla carta, ma in realtà simili nonché di uguale valore.

“Ognuno di questi Agrichef – afferma Antonella Murialdo, primo agrichef della Liguria – ha una propria individualità,  ma in questi pochi giorni siamo riusciti a superare le diverse scuole di pensiero e imparato a lavorare insieme. Utilizzando i prodotti delle nostre aziende, e con l’aiuto di chef d’eccezione, siamo riusciti a creare piatti straordinari capaci di reinterpretare la tradizione in chiave moderna. Sono felice di aver potuto portare la mia esperienza ad esempio per i  miei corregionali: era arrivato il momento che anche la Liguria avesse una propria forte squadra di Agrichef”.

“Questa prima edizione del corso è stata un vero e proprio successo – affermano il presidente di Coldiretti Liguria, Gerolamo Calleri e il delegato confederale Bruno Rivarossa –  I nuovi Agrichef hanno avuto modo di capire appieno il valore del loro lavoro e delle loro strutture, che si distinguono dal resto dell’offerta turistica locale, grazie a caratteristiche come la qualità del prodotto e la storia che trasmettono nei sapori di ogni piatto, nel calore delle strutture e nell’ accoglienza. Il nostro è un patrimonio culturale e gastronomico che va tutelato e insieme dobbiamo scommettere sul nostro territorio e sui nostri prodotti, non scendendo mai a compromessi che rischiano di banalizzarci e farci diventare un’offerta commerciale. Va inoltre sottolineata la novità dei primi due “fisher-chef” d’italia, impegnati per tutelare e valorizzare anche il prodotto del nostro meraviglioso mare”.

Coldiretti Liguria ringrazia per l’ospitalità l’agriturismo Veggiadian (Diano Marina) e gli insegnanti d’eccellenza che si sono susseguiti in questi tre giorni: D.Scaramuzza, primo agrichef italiano e Presidente Terranostra, Antonella Murialdo, primo Agrichef della Liguria, R.Grasso chef, E.Tournier chef e F.Petacco enologo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.