Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sold out di giovani a Casa Sanremo per “Musica contro le mafie” foto

L'evento, volto a diffondere la cultura della responsabilità e della cittadinanza attiva, ha incoronato canzone vincitrice "Amarcord 2.0" del palermitano Picciotto

Sanremo. Questa mattina, nella sala Ivan Graziani a Casa Sanremo, in concomitanza con la 68esima edizione del Festival della canzone italiana, si è svolta la premiazione dell’ottava edizione di “Musica contro le mafie”.

L’evento ha richiamato numerosissimi giovani, tra cui gli studenti dell’Istituto Marconi di Imperia e dell’Istituto Colombo di Sanremo.

Durante la celebrazione è intervenuto Gennaro de Rosa, direttore artistico dell’iniziativa. “Musica contro le mafie è un associazione della rete di Libera, presidiata da Don Luigi Ciotti, che da anni attraverso la musica e i musicisti diffonde messaggi profondi, per cantare e suonare desideri di giustizia – ha commentato il direttore -. Cerchiamo di rivolgerci ai ragazzi attraverso la musica, per scuotere dall’indifferenza e dall’apatia, che spesso portano alla rassegnazione. Grazie al sostegno del Miur stiamo girano per le scuole italiane, divulgando il nostro progetto e le nostre buone idee e buone prassi”.

“Musica contro le mafie” intende promuovere, sviluppare e diffondere la cultura della responsabilità e della cittadinanza attiva attraverso attività legate al mondo dello spettacolo e degli artisti che operano in tutto il mondo.

“La mafia non va intesa solo come organizzazione criminale, mafia significa andare contro le regole del quotidiano, non rispettando il bene comune. I giovani sono la nostra salvezza, è importante trasmettergli il pensiero che le regole vadano rispettate, diffondere un concetto di bene comune”, ha detto Vincenzo Russolillo, presidente di Gruppo Eventi.

La canzone vincitrice è “Amarcord 2.0” di Picciotto, cantante palermitano: “Voglio condividere questo premio con la mia città, Palermo, che per anni è stata mortificata dalla mafia. Noi cittadini cerchiamo il riscatto, soprattutto attraverso i giovani: dobbiamo alzare la testa e agire contro la mafia”, ha dichiarato l’artista.

Sono stati inoltre premiati Simone Fornasari che con la sua canzone “Un mondo che abbaglia” ha ottenuto la menzione Club Tenco: “E’ importante sensibilizzare i giovani su un tema che mai come ora risulta attuale. E’ un onore per me ricevere questo premio”, ha affermato.

La canzone “Oh issa” degli Stag ha vinto il premio dato dall’associazione Musica contro le mafie, mentre la targa Siae giovani autori è andata alla giovanissima Laura Pizzarelli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.