Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scomparsa di Giovanni Choukhadarian, il ricordo del Centro Studi “Stan Kenton” di Sanremo foto

Choukhadarian è stato tra i più convinti sostenitori del curioso movimento “Sultanato dello Swing” promosso da Freddy Colt

Sanremo. La prematura dipartita del giornalista Giovanni Choukhadarian colpisce profondamente anche i ranghi del Centro Studi “Stan Kenton”, di cui il critico musicale è stato un membro storico e attivissimo a partire dal 1999. Collaboratore stabile della rivista “The Mellophonium”, conduttore delle chiacchierate “al caffè del palco” durante molte annate del festival della canzone jazzata “Zazzarazzaz”, sodale in molte iniziative culturali ed artistiche.

Choukhadarian è stato anche tra i più convinti sostenitori del curioso movimento “Sultanato dello Swing” promosso da Freddy Colt, presso la cui “corte” ha ricoperto l’incarico di “Turcopiliere dello Swing”. Lo si ricorda al fianco di Dario Salvatori, di Pinketts, di Bollani, di Giuseppe Conte in diverse iniziative promosse dal Centro Kenton o dal Sultanato nel corso di quest’ultimo ventennio.

Così lo ricorda il M° Freddy Colt, presidente del Centro Kenton: “Con Giovanni Choukhadarian perdiamo un uomo di cultura, di grande ironia, di originale e fine intelletto. Personalmente perdo un amico, un “complice” in tante imprese editoriali, di spettacolo e goliardiche. Ma andremo avanti e con il nostro sodalizio promuoveremo iniziative in suo ricordo. Al Sultanato dello Swing mancherà moltissimo l’Effendi, il Turcopiliere, il “Difensore dell’ortodossia sincopata, autoproclamatosi difensore di ogni altyra ortodossia”, come amava dire di se stesso. In questa mesta circostanza, porgiamo le nostra condoglianze ai famigliari e a tutti i suoi cari”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.