Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

#Sanremo2018, Max Gazzè presenta “Alchemaya”: “11 brani che raccolgono le curiosità degli ultimi trent’anni” foto

Un originale progetto che vede la fusione di Orchestra Sinfonica e sintetizzatori. Tra i brani vi è anche "La leggenda di Cristalda e Pizzomunno"

Sanremo. Max Gazzè, in gara tra i Campioni della 68esima edizione del Festival di Sanremo, oggi torna sulla scena discografica con “Alchemaya”, un originale progetto che vede la fusione di Orchestra Sinfonica e sintetizzatori. Un’opera sintonica, questo il neologismo creato per l’occasione, che, dopo essere stata presentata live nei più importanti teatri d’Italia, esce registrata in studio in doppio cd, triplo vinile e in digitale per Universal Music.

“E’ nato per raccontare una serie di curiosità raccolte in questi trent’anni. Cominciando dall’armonia delle sfere di Pitagora al mondo egizio e a quello mesopotamico. Ho voluto raccontare questi percorsi attraverso una serie di brani e per farlo ho scelto di utilizzare l’Orchestra Sinfonica. E’ una scelta di racconti mitologici e metafisici: l’origine del mondo, il diluvio di tutti, la leggenda del sole dentro alla terra. Qui addirittura c’è un gigante che canta. Sono 11 brani legati da un filo narrativo che vanno dallo storico al progetto dell’anima che è una sintesi del pensiero degli esseni. Questi argomenti possono essere interpretati come un’unica storia totalmente onirica per alcuni, per gli altri che conoscono già gli argomenti potranno trovare degli spunti interessanti. C’è una linea narrativa che è legata alla poesia. Tutto ciò si trova nel primo atto” – spiega Max Gazzè - “Il secondo atto parla di una mistura di sintonizzatori con l’orchestra sinfonica a completare una sezione orchestrale”.  Il titolo deriva da “alchimia”, “fondere”, che è quello che accade con la combinazione fra i due mondi musicali di Alchemaya. Il risultato è un’opera contemporanea con influenze progressive, classiche ed elettroniche, che riporta al centro dell’attenzione la combinazione metricamente perfetta tra musica e testo. Un concept album in cui il filo conduttore non è solo la chiave sintonica ma proprio il racconto, la narrazione.

Da oggi esce infatti ufficialmente “Alchemaya”, l’originale progetto che contiene il brano presentato a Sanremo “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno”, brano che tratta della storia romantica che ha le sue radici in una leggenda pugliese, dove, il monolite che si trova sulla  costa di Vieste, prende proprio il nome di Pizzomunno. I due cd rappresentano idealmente i due atti del progetto. Il primo contiene una vera e propria opera sinfonica originale in 11 tracce, un lavoro che nasce dalla ricerca personale di Gazzè degli ultimi trent’anni su temi di storia, filosofia, mitologia, fisica quantistica ed esoterismo, in cui i testi sono stati scritti dal fratello Francesco mentre la parte musicale è composta e arrangiata dallo stesso Max. Un racconto misterioso e fantastico, in parte storico, in parte filosofico, in parte mitologico, sull’origine ed avanguardia del mondo e dell’uomo, disegnato attraverso un appassionante viaggio tra classica, elettronica e Ferrari.

Il secondo cd invece è composto da alcuni dei successi di Gazzè, rivestiti da un inedito arrangiamento orchestrale. Brani come “Cara Valentina”, “Il solito sesso”, “Sotto casa”, “La vita com’è”, “Il timido ubriaco”, “Mentre dormi” sono rivisitati in chiave sintonica. Contiene anche tre brani inediti: “Se soltanto”, “Un brivido a notte” e “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno”. Oltre alla versione cd sarà disponibile anche un triplo LP con card autografata e in digitale. In estate il cantante inizierà un tour live sinfonico che andrà a toccare le più affascinanti location all’aperto d’Italia. Sono infatti stati scelti i grandi e suggestivi spazi storici della penisola, tra questi le Terme di Caracalla di Roma il 5 agosto, lo Steristerio di Macerata il 7 agosto, il teatro Antico di Taormina il 25 agosto ed infine all’Avena di Verona il 2 settembre.

“E’ già stato portato in live a Praga. Questo progetto è molto ambizioso. Il pubblico era rimasto molto stupito soprattutto dal primo atto. C’era grandissima magia e perciò mi affido a quella magia che si era creata durante quei concerti” - dice. Il cantante si esibirà con Rita Marcotulli e Roberto Gatto nella serata duetti.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.