Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Processo Villa Ninina, assolto Claudio Scajola

Un processo durato quattro anni e mezzo con due giudici diversi

Imperia. Per l’ex ministro Claudio Scajola, a processo, per la ristrutturazione di “Villa Ninina”, la dimora sulle alture che era di proprietà della suocera e poi passata successivamente alla sua famiglia, costati poco più di 700 mila euro, é arrivata l’assoluzione perchè il fatto non sussiste. Il giudice Caterina Lungaro, dopo una brevissima camera di consiglio, ha confermato la richiesta del pm Alessandro Bogliolo. Stessa posizione anche per l’altro imputato ovvero Ernesto Vento, legale rappresentante della ditta Arco che aveva eseguito i lavori.

claudio scajola

“Sono amareggiato sia per quello che ha subito la mia famiglia che i miei amici.«Non posso non ricordare chi mi è stato vicino, così come con un po’ di tristezza, non riesco a dimenticare chi ci ha speculato sopra e coloro, a me vicini, che non mi sono stati vicini. È finito un periodo, ne inizierà un altro” è il commento a caldo dell’ex ministro che ha incassato un’altra vittoria giudiziaria: undici inchieste archiviate dal pm e tre assoluzioni. Per il processo di Reggio Calabria la sentenza è attesa a ottobre. La difesa, nel processo di Villa Ninina, era sostenuta da Elisabetta Busuito per Scajola e Alessandro Moroni per Vento. Sul finanziamento illecito il magistrato aveva fatto rilevare che il committente sapeva che la ditta era una società di capitali. “E il Vento era a conoscenza dell’incarico dell’imputato che ha ricevuto uno sconto e non sono stati pagati neppure gli interessi e quindi c’era stato un danno anche se dopo quattro anni tutta la somma era stata pagata. Il Vento forse non sapeva dell’esistenza di questo reato. Di certo il rapporto contrattuale era comunque del tutto anomalo”.

Il pm Alessandro Bogliolo nella sua richiesta di rinvio a giudizio aveva puntato l’indice sulle spese sostenute dalla famiglia dell’onorevole sospettando anomalie e spese gonfiate. “I lavori della ditta Arco erano iniziati nel 2004 – ha ricordato nella sua requisitoria il pm davanti al giudice Lungaro – In relazione alle somme versate per l’intervento della villa non rispecchiavano quelle effettivamente sostenute. Ma dalle perizie effettuate, tra l’altro, non si potrà mai dimostrare che vi sia stato un accordo e un effettivo risparmio di spesa del committente. I lavori, come gli aumenti di volumetrie da 370 metri quadri fino a 600 metri quadri dei locali, sono stati oggetto di indagine”. Il pm aveva ricordato che nella dimora erano stati effettuati interventi non solo di edilizia, ma anche di natura elettrica e idraulica. Eseguito anche una centrale fotovoltaica per la produzione di energia elettrica. Il pm aveva anche fatto rilevare che “il modus operandi della ditta era anomalo e in particolare del suo direttore De Cicco che aveva interessi che tutto andasse bene sia per la ditta che per il committente che, abbiamo visto, era assai esigente. Non erano stati effettuati né capitolati d’appalto né contratti di affidamento dei lavori questo perché la società ha sempre lavorato così e con profitto. Sulle perizie effettuate dalle parti – ha precisato il pm – ci sono state divergenze sia sui costi dei materiali sia sulle valutazioni del prezziario. I lavori sarebbero dovuti costare un milione 152 mila euro, ma alla fine sono stati pagati per poco più di 700 mila euro, somma emersa dalla documentazione dell’Argo. Mancavano i contratti e lo stato di avanzamento dei lavori”. Un processo, quello di Villa Ninina, che era iniziato con il giudice Lungaro, poi passato al giudice Leopardi e tornato al giudice Lungaro. Da precisare che nel corso di una delle ultime udienze, prima della conclusione dell’istruttoria, l’ingegner Lorenzo Branca di Genova, consulente del giudice Caterina Lungaro aveva redatto una stima dei costi sostenuti per i lavori di ristrutturazione di Villa Ninina, rilevando come le “operazioni contabili erano state corrette”. Dunque non sarebbero emerse anomalie. “Tutta la villa così come il campo sportivo è stato ispezionato. Insieme al collegio peritale ci siamo spostati nella sede di Arco chiedendo di poter visionare i bilanci societari e soprattutto quelli relativi ai lavori effettuati nella villa. Sono stati esaminati i documenti contabili dal 2004 al 2011. L’obiettivo era quello di verificare sia le partite iscritte a bilancio che le fatturazioni. Ed abbiamo riscontrato la correttezza contabile di ogni operazione”. Il pm aveva fatto rilevare come “erano emerse delle difficoltà nella valutazione del costo effettivo della manodopera impiegata”. Di diverso avviso l’ingegner Branca: “Tutte le somme sono allineate a quelle definite dal prezziario della Camera di Commercio. Abbiamo esaminato anche i costi della manodopera e pure quelli sono risultati regolari”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.