Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pieve di teco, febbraio tra clownerie e prevenzione al bullismo

far conoscere ai bambini ed alle loro famiglie una commedia dell'arte che è patrimonio storico italiano

Più informazioni su

Pieve di Teco. Al Teatro Salvini di Pieve di Teco il 9 Febbraio alle 21 la Compagnia Roggero porterà in scena “Arlecchino, Pulcinella e Bibitello”, spettacolo adatto ad un pubblico dai 3 anni in su, per far conoscere ai bambini ed alle loro famiglie una commedia dell’arte che è patrimonio storico italiano, ma di cui troppo poco si sa oltre lo stereotipo: Gabriella Roggero e Metello Faganelli utilizzeranno moderne dinamiche di clownerie per portare ad oggi maschere della e personaggi tratti dalla nostra storia teatrale.

Uno, nessuno, centomila: evviva!
campo di più giorni organizzato da Coop. Hesperos,
Teatro Impertinente, ass. Ludo Ergo Sum. Foto di Gabriele Piana
Sabato 10 alle 15 ci saremo invece noi del Teatro Impertinente, che insieme alla associazione contro il bullismo scolastico di Milano terremo la conferenza ad ingresso libero “Bullis-no: genitori e figli a confronto”.
Il Teatro Impertinente con Emanuele Morandi ed Isabella Biscaglia Giancola racconteranno il percorso di prevenzione al bullismo Finding Me, che insieme alle colleghe psicologhe Tecla Magliano (Coop. Hesperos) e Jessica dell’Orletta (asd Insieme) hanno portato in classi di scuole sparse per tutta la regione. Genitori, figli ed insegnanti a confrontarsi su un fenomeno che non è da curare, in quanto è solo la causa di meccaniche relazionali che stanno a monte, nel modo di relazionarsi con se stesso e con gli altri che l’individuo sviluppa nella sua crescita. Il video di questo progetto cercherà di inquadrare quanto sia ampio il lavoro che, giunto allo stadio regionale, va a lavorare efficacemente proprio su quelle dinamiche che stanno a monte, e che coinvolgono molte più persone dei soli “bulli”.
Vincenzo Vetere e Cristina Passias racconteranno come sono passati da vittime a portavoci delle vittime di bullismo, che la loro associazione riunisce per trasmettere esperienze a favore della collettività.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.