Piani di bacino dell’Arroscia, pronta la variante per la tutela del rischio idrogeologico

Il provvedimento interessa una dozzina di Comuni dell'entroterra imperiese

Imperia. Aggiornamento del quadro conoscitivo dei dissesti per frana dei Piani di bacino del torrente Arroscia e del fiume Centa.

Tre mesi fa il Settore Difesa del Suolo di Savona ed Imperia ha trasmesso al Settore Assetto del Territorio della Regione la documentazione relativa all’individuazione dei principali movimenti franosi che si sono verificati in occasione dell’evento alluvionale del 24 novembre 2016.

Ora i Comuni di Aquila d’Arroscia, Armo, Borghetto d’Arroscia, Cesio, Cosio d’Arroscia, Mendatica, Montegrosso Pian Latte, Pieve di Teco, Pornassio, Ranzo, Rezzo e Vessalico (per la provincia di Imperia) e i Comuni di Albenga, Arnasco, Casanova Lerrone, Castelvecchio di Rocca Barbena, Cisano sul Neva, Erli e Zuccarello (per la provincia di Savona) per i rispettivi bacini dell’Arroscia e del Centa, avranno la possibilità di presentare, fino al prossimo 1 marzo, eventuali osservazioni per poi procedere alle varianti decise dalla Regione per la tutela dal rischio idrogeologico.