Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La crisi di Trony raggiunge Camporosso: per i 14 dipendenti una busta paga ridotta al 20%

Da luglio i lavoratori avevano già subito un taglio delle ore

Più informazioni su

Camporosso. La crisi di Trony, catena che conta oltre 200 punti vendita in Italia, ha raggiunto anche l’estremo ponente ligure. I quattordici dipendenti dello store delle Braie, specializzato nella vendita di elettrodomestici, prodotti elettronica, di informatica e telefonia nei giorni scorsi si sono visti recapitare una comunicazione da parte dell’azienda che preannuncia il pagamento del 20% della retribuzione per i prossimi mesi. Una batosta che ha colpito i dipendenti, che già dallo scorso luglio si erano visti diminuire, da 40 a 33, le ore lavorative, dopo che azienda e sindacati avevano approvato i contratti di solidarietà, con la conseguenza di una riduzione dello stipendio.

“Trony. Un Successo così non si improvvisa”, si legge nella pagina internet del gruppo, “Dopo 15 anni di crescita, Trony è diventata una delle insegne più conosciute in Italia, oltre che un punto di riferimento per i consumatori”. Ed in effetti il punto vendita di Camporosso attirava un grande numero di clienti grazie soprattutto al personale qualificato e disponibile, sempre pronto a soddisfare le richieste dei consumatori.

Nel 1972 l’unione di otto imprenditori aveva dato vita a GRE (Grossisti Riuniti Elettrodomestici), gruppo di acquisto nato con lo scopo di ottimizzare la capacità di acquisto delle aziende socie. Nel 1996 GRE ha acquistato Trony dal Gruppo Rinascente. Lanciato come insegna nazionale in grado di confrontarsi direttamente con le grandi catene multinazionali che si stavano affacciando sul panorama italiano, Trony dall’anno scorso ha iniziato a trovarsi in difficoltà.

Dopo i contratti di solidarietà dello scorso luglio, a marzo al tribunale di Milano ci sarà la valutazione per il concordato in bianco: una situazione che preoccupa i sindacati per il destino dei dipendenti. Soprattutto perché, nonostante l’azienda rassicuri sul fatto che il punto vendita non verrà chiuso, al momento gli scaffali del negozio sono semi-vuoti: riesce difficile immaginare un futuro roseo per il Trony camporossino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.