Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Inizia il viaggio degli studenti liguri ad Auschwitz-Birkenau, partecipa anche Adalberto Ricci dell’Aned di Savona e Imperia

Il programma prevede anche la visita nel quartiere ebraico di Cracovia, alla ex fabbrica di Schindler e al museo di Varsavia dedicato alla rivolta del ghetto avvenuta nel 1943

Liguria. Domenica 18 febbraio inizia il viaggio della delegazione del Consiglio regionale nel lager polacco in cui si consumò parte dello sterminio della popolazione ebraica durante la Seconda Guerra Mondiale.

La delegazione è composta dagli studenti degli istituti di scuola media superiore della Liguria che hanno vinto l’undicesima edizione del concorso “27 gennaio giorno della memoria”, organizzato dal Consiglio regionale. I vincitori sono stati premiati il 23 gennaio scorso durante la Seduta Solenne del Consiglio regionale.
Partecipano anche Giuseppe Momigliano, rabbino della comunità ebraica di Genova, Miriam Kraus dell’Aned di Genova, Roberto Sinigaglia dell’Università di Genova, Adalberto Ricci, in rappresentanza dell’Aned di Savona e Imperia e Guglielmo Bertani in rappresentanza dell’Aned della Spezia. La delegazione è accompagnata dai consiglieri regionali Francesco Battistini, Andrea Melis e Gianni Pastorino.

Il primo giorno gli studenti visiteranno il campo di Auschwitz-Birkenau, a pochi chilometri da Cracovia dove in due anni, fra il 1942 e il 1944, fu attuato uno spietato progetto di morte per oltre un milione di persone: erano soprattutto ebrei, ma nelle camere a gas furono uccisi anche polacchi, russi, sinti, rom e dissidenti politici.

La seconda tappa del viaggio è stata organizzata nel quartiere ebraico Kazimierz di Cracovia, nel ghetto vecchio e nuovo, e nella ex fabbrica di Oskar Schindler, l’industriale tedesco che riuscì a salvare oltre un migliaio di deportati ebrei. Lo stabilimento è stato trasformato in un museo sulla Shoah.

Il terzo giorno la delegazione si trasferisce a Varsavia, per visitare il Museo “Powstania Warszawskiego” che offre un’ampia documentazione fotografica e storica dell’insurrezione dell’esercito polacco contro le truppe di occupazione tedesche.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.