Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia,tumore al seno, al via in Liguria la proposta di esenzione ticket per donne sane affette da mutazioni patogenetiche

Questa mattina l’assessore ha dovuto riconoscere l’importanza della mozione che abbiamo presentato e approvato all’unanimità

Imperia. Da luglio 2017 è in vigore l’esenzione ticket per donne sane affette da mutazioni patogenetiche, per esami preventivi e di controllo sul tumore al seno. La misura nasce dalla proposta che il consigliere regionale di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino aveva presentato lo scorso anno. «Questa mattina l’assessore ha dovuto riconoscere l’importanza della mozione che abbiamo presentato e approvato all’unanimità il 26 maggio 2017, che ha determinato giuridicamente e di fatto l’esenzione dal ticket per le donne sane affette da mutazioni patogenetiche BRCA1 e BRCA2 – dichiara Pastorino -. Nella seduta odierna, a tutela della salute delle donne sul nostro territorio, abbiamo nuovamente interrogato l’assessore circa i rapporti fra Breast Unit e ospedale policlinico San Martino, quindi sullo stato di disponibilità dei PDTA (percorso diagnostico terapeutico e assistenziale) delle singole ASL, come previsto sia da atti regionali sia dal piano nazionale di prevenzione 2014-2018 riguardo il rischio ereditario per il tumore alla mammella. Infine abbiamo chiesto come intenda agire per garantire la realizzazione e la continuità del “TEMO”, registro delle donne liguri ad alto rischio».

«Le risposte, per quanto interlocutorie, definiscono il quadro di rapporti tra il San Martino e le singole Breast Unit, sottolineando che ad oggi solo la ASL1 ha sottoscritto il protocollo previsto, mentre le restanti aziende sanitarie stanno preparando i necessari atti amministrativi – spiega Pastorino -. Abbiamo dunque raccomandato che gli uffici di A.li.sa siano impegnati per la sollecita sottoscrizione dei protocolli. Per quanto riguarda i PDTA delle singole ASL/Breast Unit, sarà il primo atto da compiersi dopo l’approvazione formale dei protocolli».

«Ci è stato inoltre comunicato che la realizzazione del registro TEMO è parte integrante dell’implementazione delle linee guida in materia, pertanto verrà sostenuto con le risorse assegnate alle attività dell’Hub di oncogenetica / Rete TEMO – conclude Pastorino -. Come gruppo consiliare vigileremo affinché quanto affermato dall’assessore abbia una corretta realizzazione».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.