Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Arci di Imperia: “Le istituzioni dovrebbero vietare a Casa Pound di presentarsi alle elezioni”

Invitiamo le istituzioni a operare perché lo Stato manifesti pienamente la sua natura antifascista

Imperia. L’Arci provinciale esprime preoccupazione e sdegno per l’apertura a Imperia di una sede di Casa Pound. A livello nazionale ed europeo assistiamo a un aumento preoccupante della presenza organizzata dell’ultradestra, facilitata da una crisi economica, sociale e politica. Noi riteniamo che l’antidoto per questa deriva fascista siano i valori democratici e di solidarietà che sono alla base della nostra Costituzione.
C’è una sottovalutazione grave del fenomeno, che ha permesso il diffondersi di questi gruppi. È necessaria una risposta forte e determinata di tutte le forze antifasciste per affermare che nessuno spazio deve essere lasciato a chi fa dell’odio la sua bandiera. Tutto ciò è inammissibile in una provincia medaglia d’oro per la resistenza.

L’Arci aderisce inoltre all’appello Mai più fascismi,  “Per questo, uniti, vogliamo dare una risposta umana a tali idee disumane affermando un’altra visione delle realtà che metta al centro il valore della persona, della vita, della solidarietà, della democrazia come strumento di partecipazione e di riscatto sociale.
Per questo, uniti, sollecitiamo ogni potere pubblico e privato a promuovere una nuova stagione di giustizia sociale contrastando il degrado, l’abbandono e la povertà che sono oggi il brodo di coltura che alimenta tutti i neofascismi.

Per questo, uniti, invitiamo le istituzioni a operare perché lo Stato manifesti pienamente la sua natura antifascista in ogni sua articolazione, impegnandosi in particolare sul terreno della formazione, della memoria, della conoscenza e dell’attuazione della Costituzione.
Per questo, uniti, lanciamo un allarme democratico richiamando alle proprie responsabilità tutti i livelli delle istituzioni affinché si attui pienamente la XII disposizione della Costituzione (“E` vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”) e si applichino integralmente le leggi Scelba e Mancino che puniscono ogni forma di fascismo e di razzismo.

Per questo, uniti, esortiamo le autorità competenti a vietare nelle competizioni elettorali la presentazione di liste direttamente o indirettamente legate a organizzazioni, associazioni o partiti che si richiamino al fascismo o al nazismo, come sostanzialmente previsto dagli attuali regolamenti, ma non sempre applicato. Per questo, uniti, chiediamo che le organizzazioni neofasciste o neonaziste siano messe nella condizione di non nuocere sciogliendole per legge, come già avvenuto in alcuni casi negli anni 70 e come imposto dalla XII disposizione della Costituzione: l’esperienza della resistenza ci insegna che i fascismi si sconfiggono con la conoscenza, con l’unità democratica, con la fermezza delle istituzioni.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.