Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Abu Dhabi Tour, il dianese Niccolò Bonifazio conclude 66° l’ultima tappa

E' rimasto in fuga tra i primi corridori per la maggior parte della gara

Più informazioni su

Diano Marina. Il dianese Niccolò Bonifazio della Bahrain-Merida è arrivato 66° nell’ultima tappa da Qasr Al Muwaiji a Jebel Hafeet di 199 km durante durante l’Abu Dhabi Tour, la breve corsa a tappe che si svolge nella capitale degli Emirati Arabi Uniti.

Il giovane ciclista ha mostrato la sua bravura durante la gara rimanendo sempre tra le prime posizioni, sulla fine però ha un po’ ceduto tagliando il traguardo 66esimo. E’ stato infatti in fuga insieme ai corridori Rudy Barbier (AG2R La Mondiale), Michael Bresciani (Bardiani – CSF), Nikolay Trusov (Gazprom-RusVelo), Lawson Craddock (EF Education First-Drapac p/b Cannondale), Joonas Henttala (Novo Nordisk), Matthias Brändle (Trek – Segafreo), André Greipel e Frederik Frison (Lotto Soudal). Il gruppo aumenta notevolmente l’andatura negli ultimi 50 km ma all’imbocco della salita finale di Jebel Hafeet, ai -11 km, i fuggitivi mantengono ancora un vantaggio di circa 2’. Quando sono iniziate le rampe più dure il ciclista dianese si è dovuto “arrendere”.

Nei giorni scorsi invece è arrivato  durante la prima tappa da Madinat Zaya a Adnoc School di 189 km, tutta pianeggiante con dei lunghi rettilinei nel deserto; è giunto 8° durante la seconda tappa da Yas Mall a Yas Beach dopo aver percorso 154 km; è arrivato 12° durante la terza tappa da Nation Towers-Big Flag (133 km) e 116° durante la cronometro individuale di 11 km sull’isola di Al Maryah.

Bonifazio si è così piazzato 54esimo nella classifica generale, 16esimo nella classifica “Points” e 11esimo nella classifica “Youth”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.