Quantcast

Ventimiglia, l'”Aprosio” e il Fai per valorizzare il Santuario dei cetacei

Gli studenti coinvolti promuoveranno la conoscenza e la tutela dei fondali del Ponente ligure

Ventimiglia.  La Delegazione Fai della provincia di Imperia ha in corso con la classe 3°B scientifica del Liceo Aprosio di Ventimiglia un progetto di alternanza scuola lavoro sull’argomento che lo scorso anno scolastico ha interessato e coinvolto moltissimo la classe 4°C esabac: “Il Santuario internazionale dei cetacei Pelagos e la conoscenza e tutela dei fondali del Ponente ligure”.

È ben noto che il FAI, Fondo Ambiente Italiano, si occupa, con il contributo di tutti, della cura di luoghi italiani speciali per le generazioni presenti e future, di promuovere l’educazione, l’amore, la conoscenza e il godimento dell’ambiente, del paesaggio e del patrimonio artistico dell’Italia e di vigilare sulla tutela dei beni paesaggistici e culturali, nello spirito dell’articolo 9 della Costituzione italiana. In questo senso la scuola rappresenta un interlocutore naturale per il FAI, poichè qualunque attività di cura, promozione e tutela può avere successo reale e duraturo solo se riesce a coinvolgere e appassionare le generazioni più giovani, quelle da cui “abbiamo preso in prestito il mondo” come dice un celebre proverbio dei nativi americani, quelle che si preparano per formare la futura società italiana.

Il FAI ritiene importante, sia per la scuola che per gli studenti coinvolti, far conoscere e comunicare i contenuti e le finalità del progetto stesso anche al di fuori dell’ambito scolastico.

È importante tenere in considerazione che il Santuario Pelagos è stato votato nel Censimento dei Luoghi del Cuore 2016 del FAI da tantissimi cittadini, ottenendo 5555 voti; è un vasto tratto di mare di straordinaria rilevanza naturalistica e il risultato ottenuto nel Censimento dimostra l’attenzione e l’affetto che i liguri del Ponente provano per il “loro” mare e per la sua affascinante biodiversità. Questo successo ha indotto il FAI a inserire Pelagos tra i 24 progetti di intervento e valorizzazione che verranno sostenuti, insieme a Intesa San Paolo, con finanziamenti e azioni di supporto alle associazioni che si occupano dei beni stessi.

Il primo incontro di formazione presso il Liceo Aprosio avverrà già l’8 gennaio al rientro dalla pausa natalizia, con la presenza di studiosi di biologia marina, mentre il secondo sarà il 22 gennaio e vedrà come docente Sabina Airoldi, biologa marina, ricercatrice e direttrice dell’Istituto Tethis Onlus.

Successivamente, nel periodo 19-22 febbraio gli “Apprendisti Ciceroni ®” della 3°B scientifico trasmetteranno le conoscenze acquisite agli alunni delle classi prime della Scuola media Biancheri di Ventimiglia. Lo scopo sarà quello di diffondere ed aumentare reciprocamente la consapevolezza e la sensibilizzazione verso la bio-diversità, imparando a rispettare l’ambiente e la vulnerabilità dello stesso. Un messaggio che ben rispecchia lo spirito del FAI : “Si protegge ciò che si ama, si ama ciò che si conosce “.