Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni 2018, la Lega punta sul territorio: in pole Edoardo Rixi alla Camera, gli imperiesi Alessadro Piana e Flavio Di Muro per il proporzionale

Tra i nomi arrivati alla segreteria nazionale anche quelli di Sonia Viale e Andrea Spinosi, oltre che dei sanremesi Tofi e Medlin

Imperia. Più in sordina degli altri alleati la Lega Nord sta cercando di trovare la chiusa sulle candidature liguri che concorreranno per un posto alle politiche del 4 marzo.

Tra i nomi finiti sul tavolo della segreteria regionale e del candidato premier leghista, frutto di un percorso di ascolto della base, emerge quello dell’assessore regionale Edoardo Rixi. Che possa essere lui e le sue 12mila preferenze prese nel genovese a rappresentare la Liguria in Parlamento nonostante l’indicazione ricevuta da Roma di non intaccare gli assessorati regionali?

Forse sì. Infatti per lui è possibile anche il posto di prestigio nell’uninominale alla Camera. La Lega starebbe spingendo per evitare casi di paracadutati in Liguria come l’europarlamentare e segretario dell’Udc Lorenzo Cesa, papabile nome di spicco (e contentino per la quarta gamba del centro destra), per il collegio di ponente al Senato.

L’unico su cui i leghisti la pensano diversamente è Salvini. Uninominale o possibile capolista nel proporzionale, il segretario è pronto a lanciare il partito che fa della sua persona un tutt’uno con il simbolo.

Più probabili tra gli imperiesi, a giocarsela sono il consigliere regionale Alessandro Piana e il vice segretario regionale, capo di gabinetto di Rixi, il ventimigliese Flavio Di Muro.

Quest’ultimo è anche responsabile della campagna elettorale e chi meglio di lui (visto che il suo nome è stato tirato in ballo) poteva essere fatta qualche domanda sui nomi della provincia pronti a metterci la faccia: “Al di là dei nomi - spiega il vice segretario regionale – la nostra sarà una campagna per Matteo Salvini e il simbolo della Lega.

Un dato da registrare e che ci distingue dagli altri partiti che formano la coalizione di centro destra è che stiamo lavorando per non avere big leghisti paracadutati in Liguria, salvo che non si parli di Matteo Salvini in persona che, se venisse a capitanare il listino proporzionale ligure, rappresenterebbe un grande trampolino di lancio.

Detto questo sui nomi il giro di consultazione delle segreterie territoriali ha fatto emergere i principali esponenti liguri, com’è normale che sia visto anche il loro peso politico sul territorio.

La parola fine però sui nostri candidati sarà scritta entro domattina dal segretario regionale e da quello nazionale.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.