Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Udienza per il fallimento di Rivieracqua, il Cda propone graduale rientro del debito foto

Si attende la decisione del giudice sul rinvio tecnico chiesto dalla società pubblica

Imperia. E’ durata quasi tre ore l’udienza, di fronte al giudice fallimentare Silvana Oronzo, per l’istanza di fallimento presentata da Amat Spa (partecipata del Comune capoluogo, che vede di nuovo alla sua presidenza Barbara Pirero) nei confronti di Rivieracqua, il consorzio pubblico che dovrà divenire il gestore unico provinciale del servizio idrico integrato.

Il nuovo Cda, guidato da Gian Alberto Mangiante e rappresentato oggi anche dalla consigliera Sara Rodi, ha proposto un graduale rientro del debito e chiesto al giudice un rinvio tecnico così da avere più tempo per approfondire maggiormente la situazione economica e finanziaria della società.

Una riunione del Cda è prevista già domani per definire le tappe del piano di rientro, mentre una nuova udienza per chiudere le trattative è prevista a gennaio.

Oggi inoltre è in programma la seduta del Consiglio provinciale e dell’Assemblea dei sindaci, dopo che ieri è saltata la riunione decisiva sul piano di ripartizione del debito accumulato dai Comuni e ceduto a Rivieracqua.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.