Quantcast

Imperia, il figlio di uno dei fratelli Cervi alla Camera del Lavoro: “Contro i rigurgiti fascisti e razzisti”

Presentazione del suo libro: “Io che conosco il tuo cuore – Storia di un padre partigiano raccontata da un figlio”

Imperia. La Sezione ANPI “Fischia il Vento” e la Camera del Lavoro comunicano che: “Contro i rigurgiti fascisti e razzisti che purtroppo sempre più spesso ci troviamo ad affrontare e per proseguire un confronto sui temi della Resistenza, della Libertà e della Fratellanza”

Lunedì 18 dicembre a partire dalle ore 11.30, alla Camera del Lavoro, ospiteranno Adelmo Cervi figlio di Aldo, uno dei 7 Fratelli trucidati dai fascisti il 28 dicembre 1943 per la presentazione del suo libro: “Io che conosco il tuo cuore – Storia di un padre partigiano raccontata da un figlio”

Piero Calamandrei (Epigrafe per il busto, di Genoveffa Cocconi, madre dei sette fratelli Cervi, morta di dolore poco dopo la loro fucilazione)

La madre
Quando la sera tornavano dai campi l’avete fatto per un’idea
Sette figli ed otto col padre perché mai più nel mondo altre madri
Il suo sorriso attendeva sull’uscio debban soffrire la stessa mia pena.
per annunciare che il desco era pronto. Ma che ci faccio qui sulla soglia
Ma quando in un unico sparo se più la sera non tornerete.
caddero in sette dinanzi a quel muro Il padre è forte e rincuora i nipoti
la madre disse Dopo un raccolto ne viene un altro
non vi rimprovero o figli ma io sono soltanto una mamma
d’avermi dato tanto dolore o figli cari vengo con voi.