Quantcast

Da vittima di bullismo a modella curvy da calendario: la rivincita della sanremese Francesca foto

Già testimonial per LatteMenta, quest'anno ha vinto una puntata de "Il bello delle curve” su La7D prendendo poi parte al calendario Beautiful Curvy 2018 di Barbara Christmann

Più informazioni su

Sanremo. Positiva, determinata e ironica in tutta la sua morbidezza. Per lei la bellezza parla il linguaggio della donna guerriera, quella che tira fuori il coraggio e affronta le difficoltà della vita senza tirarsi indietro. Per lei la bellezza è diversità, perché in fondo la perfezione non esiste neppure in natura. Stiamo parlando della 34enne Francesca d’Ambrosio, genovese di nascita ma sanremese per adozione, che dopo un passato di sofferenza, fatto anche di episodi di bullismo, è oggi diventata ambasciatrice di quella rivoluzione culturale che vuole smantellare lo stereotipo del “magro è bello”.

Capelli afro e curve mozzafiato che le permettono di sfoggiare una dignitosa 44/46, Francesca è una barista di professione e allo stesso tempo una modella curvy da calendario. Diventata nel 2014 testimonial per la casa di moda per taglie forti LatteMenta, quest’anno ha vinto una puntata del programma di successo su La7D “Il bello delle curve” che le ha aperto la strada all’ambito calendario Beautiful Curvy 2018 di Barbara Christmann.

«Partecipare a “Il bello delle curve” è stata un’esperienza straordinaria – racconta emozionata –, non avrei mai pensato di vincere. In passato avevo fatto diversi casting per altri programmi e simili ma non tutti avevano dato il risultato sperato. Capitava che superavo le fasi iniziali ma poi venivo rimandata a casa. Addirittura una volta mi hanno detto che non ero abbastanza formosa. “Ma chi io?”, mi sono detta stupita. “Il bello delle curve” è stato davvero qualcosa di magico e oltretutto ho conosciuto ragazze splendide con cui ho stretto un bel rapporto di amicizia. Nel momento in cui hanno detto che ero io la vincitrice, dentro di me la felicità ha incominciato a scalpitare. Stavo vivendo una piccola rivincita contro tutte le angherie che avevo subito da bambina e poi da ragazza. Mi ricordo i compagni di classe, maschi o femmine che fossero, divertirsi nel prendermi in giro, nel tirarmi calci e pugni solo perché ero pienotta. Mi ricordo quelle oscillazioni di peso durante l’adolescenza e il dolore che provavo nel guardarmi allo specchio, soprattutto dopo che mi sono ammalata di cuore e sono arrivata a pesare quasi 100 kg. Non ho trascorso dei bellissimi anni, almeno fino a quando non ho incominciato a trovare nello specchio la vera me. E questa scoperta mi ha fatto approdare a LatteMenta, per cui, insieme ad un altra ragazza, sono la modella di riferimento per l’intero catalogo, e poi, incredibilmente, a “Il bello delle curve” che a sua volta mi ha dato l’occasione di intraprendere un percorso che sognavo da tempo».

Premio in palio, infatti, il diritto di prendere parte al calendario della giornalista di moda Barbara Christmann, Beautiful Curvy, ovvero. come è stato scritto, “un progetto di respiro sociale, volto a catturare l’attenzione e sensibilizzare, stimolando ad andare oltre il corpo […]. Un messaggio di positività e un inno alla diversità, dove ognuna delle protagoniste è libera di esprimere ciò che è e come si sente con se stessa“, a cui Francesca aspirava da tempo:

«Avevo già fatto le selezioni qualche anno fa ma non ero stata presa. Questa però è la mia vita, in qualunque modo ottengo sempre quello che voglio, anche percorrendo la strada meno ordinaria! Come il programma di La7D, anche in questo caso ho vissuto un’esperienza memorabile. Grazie a Barbara, una donna dal cuore d’oro, da sempre impegnata per il mondo curvy, io le altre 21 donne, tutte di età differenti e tutte con il proprio vissuto, spesso legato a momenti di dolore ed esclusione sociale, abbiamo avuto la possibilità di farci apprezzare per quello che siamo, invitando il mondo a non fermarsi davanti alle apparenze e ad andare oltre il pregiudizio cercando di guardare secondo una prospettiva diversa che non nega o limita la fisicità, ma la accoglie, scoprendo che esiste ben altro. Inoltre Barbara e il fotografo Stefano Bidini sono riusciti a farci sentire bellissime, ci hanno regalato emozioni molto forti, facendo dimenticare a me e a tutte le mie compagne quelli che potevano essere i nostri difetti».

Beautiful Curvy 2018, che sarà presentato allo SpazioKappa 32 di Milano il 10 gennaio con l’inaugurazione di una mostra visitabile fino al 24, è stato per la nostra modella un’occasione speciale per mostrarsi senza ritocchi, maschere o particolari artifici. «Nessuna vergogna – sottolinea – ma solo la gioia di poter esprimere senza timore quella che sono. Io, soltanto io con la mia silhouette generosa, con le mie imperfezioni. Quelle stesse imperfezioni che se un tempo mi facevano abbassare lo sguardo per paura di essere presa in giro, oggi mi spingono a sfidare gli altri, a guardarli negli occhi e a camminare a testa alta. Ovviamente non è semplice ma il passato è il passato e se proprio crollo sapete cosa mi ripeto? Francesca, sei arrivata fin qui, sei viva, cosa importa se hai un po’ di cellulite e qualche rotolino? La bellezza è altro, la bellezza è il tuo sorriso, la sola curva che conta in una donna».

Più informazioni su