Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bagno di folla alla Mondadori di Sanremo per la presentazione di “Furlana. Storia di questa notte” foto

“E' una storia di passione e di compassione, un percorso verso il cuore di Furlana e di Andrea”

Più informazioni su

Sanremo. E’ senza dubbio questo il fine settimana in cui i negozi vengono presi letteralmente d’assalto per l’imminenza del Natale. Ma a chi sabato scorso 16 dicembre, intorno alle ore 20, si sia trovato nelle vicinanze della Libreria Mondadori di Sanremo, non sarà di certo sfuggita quella piccola folla di gente che si è introdotta a cercare posto tra i libri, attendendo qualcosa, in un orario inconsueto, appena dopo la chiusura serale. Cosa cercavano? Un regalo, qualche buona idea, pensieri e parole per l’imminenza del Natale? Tra lo stupore degli stessi librai, più di una cinquantina di persone, tra cui diversi giovani, si sono radunate in mezzo agli scaffali per la presentazione del romanzo di Francesco Fadigati  “Furlana. Storia di questa notte”.

E’ stata Daniela Cassini, sempre impegnata sul fronte della “buona” cultura, ad introdurre il libro di Fadigati, sanremese di nascita, bergamasco di adozione, insegnante e rettore della scuola “La Traccia” di Calcinate (BG).

La storia è quella di Andrea, che in una notte accaldata, si ritrova a fare i conti con una vita che sta cadendo a pezzi. Miriam è ancora una ferita bruciante e lui decide di rompere il silenzio e di scriverle.
Deve a tutti i costi raccontarle una fiaba, un’affascinante avventura che sgorga dalla nostalgia di lei. Così nell’arco di una notte, di mail in mail si intrecciano le imprese del Cavaliere della Dama di Luna e gli abissi dell’anima di Andrea.
Miriam accetterà di ascoltare il grido di Andrea? Risponderà?

“E’ una storia di passione e di compassione, un percorso verso il cuore di Furlana e di Andrea”, ha detto Daniela nella sua presentazione. “Una bella storia che si conclude con un finale aperto, non usuale nei romanzi. E un’alba in cui si può intravedere speranza”.

A prestare la voce per la lettura dei brani il giovane e talentuoso Marko Kurtinovic, che ha saputo emozionare i presenti con la sua coinvolgente interpretazione. Un’ora e mezza intensa, in cui si è parlato di desideri, di vita, di ciò per cui vale la pena alzarsi alla mattina, di nostalgia come eco di una mancanza e di quella coperta di nubi grigie che misteriosamente copre il cielo di Furlana e che spesso rischia di trasformare in piattume le nostre giornate.

“La fortuna di Andrea”, sostiene l’autore, “E’ stato l’aver incontrato gli occhi di Miriam, una donna libera e inquieta, così come fondamentale per il Cavaliere della Dama di Luna è stato l’incontro con il pirata Chibò, il quale lo salva da morte certa nel deserto di vetro”.

Tra citazioni di Collodi, Dante, Pavese, Buzzati e moltri altri ancora, Fadigati ha anche raccontato la bellissima esperienza che vive a scuola. “In classe mi accorgo che quelle trenta facce che ho davanti mi sono regalate e sono per me il primo mezzo per uscire dal deserto di vetro in cui spesso cadiamo quando ci concepiamo da soli. Ci sono momenti in cui vediamo solo noi stessi e proviamo un senso di nausea, proprio come il Cavaliere quando si perde in un deserto che ne riflette l’immagine deformandola all’infinito. E’ solo attraverso gli occhi di un altro, è solo nell’incontro con uno che ti vuole bene che puoi capire veramente chi sei”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.