Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Violenza sulle donne, da gennaio 855 nuovi casi per i centri antiviolenza liguri

Stanziati oltre 1,1 milioni di euro per percorsi di formazione e progetti di supporto alle donne

Genova. Sono state 855, da gennaio 2017 ad oggi, le donne che si sono rivolte ai centri anti violenza liguri, di queste 700 hanno effettuato un primo colloquio di valutazione con le operatrici dei centri e di queste 414 (circa la metà) ha proseguito il percorso, fino ad una presa in carico vera e propria. Di queste ultime, sono state 135 a denunciare la violenza subita alle autorità competenti. Ad illustrare i dati, in vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne che si celebra sabato 25 novembre, è l’assessore alle Pari Opportunità di Regione Liguria Ilaria Cavo.

“Questi dati – afferma l’assessore Cavo – sono in linea con i dati dello scorso anno e con quelli riferiti dalla Procura della Repubblica di Genova, che non a caso sarà insieme a noi nel dibattito in programma sabato mattina a Terrazza Colombo. Viene confermata quindi la necessità di un lavoro comune, di una rete sempre più fitta, che sappia tenere agganciate le donne in un percorso compiuto che vada dalla prima presa di contatto con un centro alla giustizia fino all’aula di tribunale: senza considerare la parte sommersa del fenomeno, ovvero le donne che non trovano la forza di chiedere aiuto o denunciare le violenze subite, queste cifre di dicono che la metà delle donne che si rivolgono ai centri anti violenza porta a termine il percorso di presa in carico e solo la metà di questa metà si sviluppa poi in un procedimento giudiziario. Per questo è fondamentale, da un lato, mantenere il sostegno dei centri e, dall’altro, proseguire la collaborazione tra Istituzioni, mettendo in campo anche iniziative di sensibilizzazione, di formazione e di sostegno concreto alle donne.

Come assessorato alle Pari Opportunità, abbiamo destinato oltre 137 mila euro all’autonomia abitativa delle vittime, attraverso contributi per spese di trasloco, affitto e utenze e, congiuntamente con l’assessorato alle politiche sociali e sanitarie, stiamo avviando un percorso di formazione del personale dei centri anti-violenza e dei servizi di emergenza sanitaria per migliorare il lavoro di rete in materia”. Da questo punto di vista, la vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale sottolinea che “nell’ambito della stretta collaborazione con le Procure della Repubblica e della Polizia Giudiziaria, in base agli accordi vigenti, da aprile 2015 ad agosto 2017 ci sono pervenute richieste di informazioni sanitarie, ai fini delle procedure giudiziarie in corso, in relazione a 209 persone per le quali risultano complessivamente 1.385 accessi in Pronto Soccorso. Di queste persone, 28 sono minori”.

Per aiutare il percorso di uscita dalla spirale di violenza, Regione Liguria ha stanziato nuove risorse (137 mila euro) anche per progetti di autonomia lavorativa delle donne, attraverso contributi che verranno dati alle imprese che le assumeranno. A questo proposito “stiamo elaborando un bando rivolto alle aziende – spiega l’assessore Cavo – per favorire la loro assunzione. Abbiamo inoltre abbiamo dedicato 900 mila del Fondo sociale Europeo, attraverso un bando emanato nel marzo scorso, a progetti per il supporto alle vittime, al trattamento degli uomini autori di violenza e ad azioni di prevenzione precoce in ambito scolastico, di cui renderemo note in questi giorni renderemo note le graduatorie”.

Sono 8 i centri anti-violenza in Liguria: a Imperia (1), Savona (1), a Genova (2), a Mignanego (1), Chiavari (1) e La Spezia (2), tutti collegati al numero nazionale 1522. Nel maggio scorso Regione Liguria ha avviato un percorso di accreditamento per rafforzare l’impatto dei centri e migliorare la loro risposta alle donne che subiscono violenza. Nell’ambito delle azioni di sensibilizzazione alla cittadinanza, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, Regione Liguria e Comune di Genova organizzano una serie di eventi in collaborazione con Ipasvi (Collegio degli Infermieri di Genova):

Venerdì 24 novembre è in programma “Facciamo muro contro la violenza”, che si snoderà tra Piazza De Ferrari e Palazzo Ducale. Fra gli appuntamenti, dalle 14.30 in piazza De Ferrari sono previsti laboratori di creatività e presentazione di esperienze delle Associazioni e dei Centri anti-violenza presso la Sala della Trasparenza; alle 19 a Palazzo Ducale (porticato) proiezione del docu-film “Futuro è donna” con Jo Squillo e Francesca Carollo.

Il momento clou della giornata sarà alle 21 con l’inaugurazione del Muro dell’Arte alla presenza della vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale, dell’assessore alle Pari Opportunità di Regione Liguria Ilaria Cavo, dell’assessore al Personale del Comune di Genova Arianna Viscogliosi, di Jo Squillo, Giusy Versace, Valentina Pitzalis. “Il senso di questo muro – spiegano gli assessori Viale, Cavo e Viscogliosi – è quello di valorizzare la bellezza contro la rassegnazione e il silenzio che spesso circondano e accompagnano il fenomeno della violenza contro le donne. Per questo abbiamo scelto di trasformare il Muro delle Bambole nel “Muro dell’Arte”, dedicato a installazioni realizzate da artisti liguri e non solo”.

Sabato 25 novembre a Terrazza Colombo si svolgerà il convegno “Divieto di femminicidio” organizzato da Regione Liguria e a cui parteciperanno la vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale e l’assessore alle Pari Opportunità Ilaria Cavo, oltre che dell’assessore del Comune di Genova Arianna Viscogliosi. Interverranno anche il Procuratore Generale di Genova Valeria Fazio, il Prefetto Fiamma Spena. Una parte dell’incontro sarà dedicato all’associazione “Divieto di femminicidio” con gli interventi di Pier Paolo Greco (avvocato e presidente dell’Associazione) e dagli altri rappresentanti Alessandra Zedda, consigliere della Regione Sardegna, Alessandra Moretti, consigliera Regione Veneto, Flaminia Bolzan, criminologa, Chiara Baschetti, attrice e modella. Alla mattina di lavori parteciperanno anche Jo Squillo, i rappresentanti delle istituzioni, la consigliera di parità Laura Moretti con interventi di realtà e fondazioni che porteranno progetti per questo settore (come Aida, fondazione Costa e l’istituto Ruffini che ha attivato laboratori sul tema specifico della paura delle donne di perdere i figli, in caso di denuncia). I lavori inizieranno alle 10.30, la stampa è invitata a partecipare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.