Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Max Cavallari dei Fichi d’India: “Per un’operazione sbagliata mi devono tagliare il pene”. Il chirurgo conosciuto a Sanremo

Spiega il comico a Barbara D’Urso "Ci ha detto che faceva questo intervento col laser bisturi"

Sanremo. Passa anche dalla Città dei Fiori la tragica (e anche un po’ surreale) vicenda nella quale dice di essere protagonista Max Cavallari, comico dei Fichi d’India. Il cabarettista ha raccontato nello studio di “Domenica Live” quanto gli sarebbe successo negli ultimi anni. Ovvero di operazione chirurgica andata male. Cavallari, infatti, dopo un intervento di addominoplastica (per ridurre la pancia) e falloplastica, rischierebbe l’amputazione del pene.

“Mi hanno operato al pene e hanno sbagliato operazione – ha detto Max nella trasmissione di Canale 5 – ora mi devono rioperare e mi devono tagliare tutto. Ho avuto dei problemi psicologici. Stavo andando in setticemia, ero pieno di sangue e pus, stavo morendo. Ho passato 40 giorni a letto con la febbre altissima, venivano a bucarmi l’addome per far fuoriuscire il liquido e il sangue”.

Ma torniamo a Sanremo, dove Cavallari e la moglie – secondo quanto riporta il Mattino” di Napoli – avrebbero conosciuto il chirurgo che in seguito fece l’operazione incriminata. Spiega il comico a Barbara D’Urso “Ci ha detto che faceva questo intervento col laser bisturi, si è presentato come il sarto del corpo, ci ha fatto vedere le foto dei vip e noi ci abbiamo creduto”. Pronta la replica del chirurgo sotto accusa che ha dichiara alla D’Urso: “L’intervento è pienamente riuscito, il signor Cavallari non si è mai sottoposto ai controlli e non ha seguito i comportamenti prescritti da adottare nella fase post operatoria”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.