Quantcast

Il patron del Monaco calcio Rybolovlev mette all’asta un Da Vinci stimato 200 milioni di dollari

Il “Salvator Mundi" rappresenta Gesù Cristo e dei 20 dipinti di Da Vinci oggi in circolazione è l’unico appartenente ad una collezione privata

Principato di Monaco. Il magnate russo Dmitrij Rybolovlev,patron del Monaco calcio, mette all’asta un dipinto di sua proprietà. Si tratta del “Salvator Mundi” di Leonardo Da Vinci e il prezzo base è di 100 milioni di dollari. Verrà proposto ai potenziali compratori oggi, durante la tradizionale asta d’arte impressionista, moderna e contemporanea, organizzata questo mercoledì a New York da Christie’s. Il “Salvator Mundi rappresenta Gesu Cristo e dei 20 dipinti di Da Vinci oggi in circolazione è l’unico appartenente ad una collezione privata.

Gli esperti non sono tutti d’accordo sulla sua datazione: se alla fine del XV secolo o poco dopo il 1500. Una certezza, il lavoro attribuito a Leonardo Da Vinci ha avuto una storia caotico. Olio su tela – un pannello di noce – il Salvator Mundi (Salvatore del mondo) rappresenta Cristo in abito blu e ocra tipico del Rinascimento, con braccio destro alzato in segno di benedizione e mano sinistra che regge un globo. Nel 1649 lo troviamo nella collezione di Carlo I d’Inghilterra, in quella di Carlo II e del Duca di Buckingham, che lo presenta all’asta nel 1763.

Nel 1900, la tela approda a Sir Frederick Cook, i cui discendenti lo vendono nel 1958 a Sotheby’s. Il Salvator Mundi riacquista il suo prestigio nel 2005 dopo l’acquisizione da parte di un fondo americano e Robert Simon, storico dell’arte e commerciante privato, scommette che questo dipinto “pesantemente riverniciato”, “per i motivi della copia”, è unico.

Dopo la ristrutturazione nel 2010, il consorzio ha stimato il lavoro a circa 200 milioni, o 138 milioni di euro, secondo la rivista d’arte americana di riferimento ARTnews.
Nel 2013, il mercante d’arte svizzero Yves Bouvier lo acquista per 80 milioni di dollari, in una vendita privata orchestrata dalla casa d’aste Sotheby’s, il consorzio americano e Robert Simon. Due giorni dopo, il commerciante svizzero rivende il Salvator Mundi a Dmitrij Rybolovlev per 127 milioni di dollari