Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Crisi in Comune a Imperia, stand by in attesa dell’incontro con Capacci

Si vedrà se ci sono i margini per ricucire lo strappo oppure se sarà divorzio senza ritorno tra Capacci e Pd

Imperia. La crisi è irreversibile. Ma non è detta l’ultima parola. Tutto è stato rimandato a domani, lunedì, quando il Pd incontrerà il sindaco Carlo Capacci.

A confermarlo è il segretario cittadino del Pd Antonio De Bonis: “La nostra volontà è quella di scoltare le spiegazioni di Carlo Capacci sulle scelte che sono state adottate nei confronti di Rivieracqua. Poi vedremo come agire”. Nel frattempo, come noto, quattro assessori hanno rimesso le loro deleghe al partito. Si tratta di Giuseppe Zagarella, Enrica Chiarini, Fabrizio Risso e Giuseppe De Bonis.

E a confermare le dimissioni, in questo caso dall’Amat Spa, è stato anche il segretario provinciale dello stesso partito Pietro Mannoni: “Avevamo posto fiducia al sindaco Capacci su alcuni punti fondamentali del mandato amministrativo a cominciare dall’acqua, dai rifiuti e dal porto. Noi ci siamo impegnati a rispondere con serietà e trasparenza su tutta la linea. Il sindaco non ha fatto altrettanto”. Domani si vedrà se ci sono i margini per ricucire lo strappo oppure se sarà divorzio senza ritorno tra Capacci e Pd.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.