Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spacciavano pasta prodotta in Africa con il nome di “Sanremo” alla Fiera del Food di Colonia, contraffattori denunciati

Italian Sounding e. V ha ottenuto un provvedimento cautelare di urgenza dal Tribunale: i produttori non possono più vendere su tutto il territorio della Repubblica federale tedesca. In caso di violazione, multa fino a 250 mila euro

Sanremo. L’associazione italo-tedesca Italian Sounding e. V., nata anche per contrastare e impedire la commercializzazione e vendita di prodotti falsamente italiani, ha colpito ancora individuando e denunciando i produttori di pasta che esponevano alla Fiera internazionale del Food di Anuga a Colonia confezioni con le diciture “Milano”, “San Remo” e la bandiera dell’Italia, pur trattandosi di prodotti di origine africana.

Italian Sounding e. V. rappresentato dai presidenti Giandomenico Consalvo e Gabriele Graziano con l’avvocato di Cba Studio legale e tributario, München, Mattia Dalla Costa, ha infatti ottenuto dal tribunale di Colonia in sole 3 ore un provvedimento cautelare di urgenza. Risultato: Milano Pasta DMCC di Dubai (UAE) non può più vendere in tutto il territorio della Repubblica federale Germania pasta la cui confezione abbia la designazione “Milano” e/o “San Remo”. In caso di violazione, ammenda fino a 250.000 euro.

L’associazione Italian Sounding e. V., costituita a Roma a febbraio 2015 dalla Camera di commercio italiana per la Germania di Francoforte e dalla Camera di commercio italo-tedesca di Monaco-Stoccarda, Confagricoltura e da altri membri, tra cui Unioncamere, è impegnata nel contrastare e impedire la commercializzazione e vendita di prodotti che attraverso l’utilizzo di indicazioni geografiche, immagini e marchi, evocano l’Italia per promozionare e commercializzare prodotti non di origine italiana.

Il diritto tedesco, a differenza di quello italiano, non conosce una normativa specifica a favore del “Made in”. In casi di contraffazioni riguardanti le indicazioni di origine geografica protetta, la tutela è più facile perché esiste una normativa europea, mentre in situazioni come quella della pasta “Milano” il giudizio deve fondarsi soprattutto sui principi generali in materia di concorrenza sleale.”.

Il risultato si registra a margine della fiera tedesca di Anuga, la più importante rassegna al mondo dedicata al food & beverage, dove la “task force” dell’associazione Italian Sunding e.V. con gli avvocati Mattia Dalla Costa e Rodolfo Dolce si è nuovamente data appuntamento per individuare i prodotti con denominazioni chiaramente evocative dell’Italia o “made in Italy” ma provenienza in alcun modo collegabile al nostro Paese.

Mattia Dalla Costa, partner di CBA Studio Legale e Tributario a Monaco di Baviera ha commentato: “Già due anni fa ci eravamo mossi usando tutti i mezzi giuridici a disposizione per impedire la diffusione di questi prodotti falsamente italiani. In Germania, infatti, non esiste la tutela del made in ma si tratta comunque di un’evidente caso di concorrenza sleale. Ormai Italian Sounding è stata riconosciuta in Germania come soggetto legittimato ad agire a tutela dei consumatori (ed ha già ottenuto varie decisioni ed ottimi risultati contro produttori e grande distribuzione), permettendoci anche questa volta di intervenire e ottenere tempestivamente il blocco dei contraffattori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.