Imperia, presentata a Villa Grock la fase finale del progetto “Jardival” fotogallery

Quest'estate Villa Grock ha visto la presenza di oltre 6000 viaggiatori stranieri, confermandosi una tra le mete turistiche più interessanti e importanti della città

Imperia. Presentata a Villa Grock la parte conclusiva del progetto  Interreg Alcotra Jardival, che ha messo insieme soldi pubblici e privati per rilanciare la fruibilità turistica di ville e giardini di Francia e Italia. Questa iniziativa ha nove partner e lo scopo è quello di valorizzare i parchi della riviera italo-francese: il capofila è il dipartimento delle Alpi Marittime poi c’è il comune di Mentone, quello di Grasse e Cannes, per la parte italiana c’è il comune di Sanremo con Villa Ormond, Costarainera con Parco Novaro e il comune di Imperia con Villa Grock, e il comitato regionale per il turismo Costa Azzurra. La cifra messa a disposizione e divisa da questi partner è di un milione e ottocento cinquanta mila euro.

Il progetto nato per proteggere e valorizzare siti eccezionali come i giardini monumentali e le ville storiche, è giunto al giro di boa del primo anno con piena soddisfazione di tutti i partner. Il progetto ha interessato anche il giardino di Villa Grock, dove si è svolta la prima fase dell’ evento conclusivo, mercoledì 11 ottobre. Sono stati presentati tutti i progetti di riqualificazione e illustrati i lavori apportati alle ville e ai giardini presenti in questa rete italo-francese. La tavola rotonda, dedicata a questa giornata di presentazione dei progetti, ha visto la presenza delle autorità: il presidente della provincia di Imperia Fabio Natta, l’assessore regionale Gianni Berrino, Carlo Fidanza, commissario Agenzia regionale “in Liguria”, Barbara Biale, assessore allo Sviluppo economico del Comune di Sanremo, Antonello Gandolfo, sindaco del Comune di Costarainera, Carole Morese, dipartimento delle Alpi Marittime, Jean-Claude Guibal, sindaco del comune di Mentone, Jérôme Viaud, sindaco del comune di Grasse e David Lisnard, sindaco del comune di Cannes. La mattinata si è aperta con una relazione sulla gestione di alcuni importanti giardini italiani. Per la riqualificazione di Villa Grock il finanziamento che la provincia ha ricevuto, esclusivamente dalla comunità europea è stato di circa cento sessanta mila euro.

Villa Grock, conosciuta anche come Villa Bianca, voluta fortemente da Charles Adrien Wettach, in arte Grock, considerato il più grande clown di tutti i tempi, ha ritrovato una nuova linfa vitale, ritornando ai momenti di antico splendore di una volta. Quest’estate è stato uno dei luoghi più visitati in città soprattutto da turisti stranieri, si sono contate circa seimila presenze tra svizzeri,francesi, tedeschi, russi, durante l’apertura pomeridiana del lunedì.

Un’occasione imperdibile per la Liguria per la valorizzazione di un patrimonio transfrontaliero unico, costituito da giardini di pregio realizzati tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo con il coinvolgimento di uomini d’affari, artisti, paesaggisti e botanici di diverse nazionalità. La messa a sistema e la promozione di questi tesori, in parte ancora sconosciuti al grande pubblico, è una vetrina strategica sia per l’attrazione di nuove tipologie di flussi turistici sia per il marketing stesso dei siti anche per reperire finanziamenti privati, indispensabili per consentirne la massima fruibilità attraverso un’adeguata e costante manutenzione. Tra gli assi di intervento previsti vi sono azioni di comunicazione e promozione volte ad attrarre, soprattutto fuori stagione, una clientela appassionata di giardini e botanica proveniente dai Paesi anglosassoni e dall’Europa del Nord. Particolare attenzione viene rivolta al pubblico più giovane per migliorare il livello di informazione pedagogica e di mediazione scientifica nonché alla modernizzazione degli edifici di accoglienza e della segnaletica. Altro obiettivo è il posizionamento di questo patrimonio nel settore delle ‘wedding destination’ per un target internazionale di altissimo livello e di location per film e spot televisivi. Alle 14 è in programma una visita guidata agli altri due giardini italiani facenti parte del progetto, con prima tappa al Parco del Benessere G.F. Novaro di Costarainera per poi ripartire alla volta di Villa Ormond in Sanremo e alle 18 la conclusione e i saluti finali. La sistemazione di questi giardini oggi e la possibilità di gestirli domani è un modo per riconoscere un valore turistico e culturale importante per queste strutture che possono essere considerati dei prodotti turistici commercializzabili.