Quantcast

Il killer di Marsiglia fermato alla frontiera di Mentone: aveva vissuto in Italia

Ahmed Hanachi, tunisino, era stato sposato con una donna italiana dal 2008 al 2014

Più informazioni su

Marsiglia. Aveva vissuto in Italia, Ahmed Hanachi, l’uomo che domenica ha ucciso due cugine ventenni nei pressi della stazione francese. L’assassino, freddato da un poliziotto mentre tentava la fuga, era arrivato nel Belpaese nel 2006 e si era sposato con una cittadina italiana nel 2008. A scriverlo è il giornale francese Le Point.
Nel 2007, scrive invece il Nice Matin, l’assassino di Marsiglia era stato controllato dalla polizia di frontiera di Mentone. Il controllo non avrebbe avuto seguiti giudiziari, ma resta indelebile, negli archivi della Police, una traccia del passaggio del killer: una pista sulla quale gli inquirenti mantengono il massimo riserbo.

Un passato di droga e altri reati, nessuno dei quali fino ad ora riconducibili ad una pista jihadista: l’Isis ha però rivendicato il duplice omicidio compiuto da Hanachi come attentato terroristico. Una versione, questa, confermata da numerosi testimoni, che hanno sentito il tunisino invocare Allah prima di accoltellare le due giovani donne.

Sarà ora compito della polizia francese ricostruire le possibili relazioni dell’uomo con cellule terroristiche: un compito non semplice, visto che dal 2005 il tunisino è stato identificato con sette identità diverse.

Più informazioni su